Dicembre 2016

Ed eccoci qui, alla fine di un anno raccontato con post mensili. Non è stato né bello né brutto, per me, questo anno che sta arrivando all’ultima riga del calendario. Sono capitati momenti felici, bei viaggi, piccole soddisfazioni. Ci sono state ore nervose, deludenti, arrabbiate. Come è normale che sia.

Scambiavo opinioni, in questi giorni, con la diciannovenne il cui cammino incrocia il mio, non fosse altro per il fatto che abita a poche porte da me. Una diciannovenne, mi è capitata, da utilizzare come campione non rappresentativo della categoria, di cui ogni tanto vi ho già scritto, qua e là, e che è alle prese con un problema serio, ma così serio che quando ci rifletto davvero mi diventano scuri i pensieri. A lei cambiano anche i colori dei sogni.

Visto che, per fortuna, è una personcina allegra che conosce il potere terapeutico del buonumore, ha escogitato un suo proprio sistema per tenere lontano il nulla e quella sensazione di ineluttabilità che ti prende allo stomaco nelle ore più lunghe della notte. La sera incolla, sulla pagina di un quadernetto, qualcosa che le ricorda gli attimi più felici della giornata appena trascorsa, una fotografia, un biglietto, un nastro colorato, un disegno. Si segna un paio di frasi, se le riguarda un po’, a volte fotografa la pagina e la invia a chi ha diviso con lei il momento felice, come ricordo. Lo fa anche a distanza di tempo, in caso una si sia dimenticata di quando e come sia stato. Il giorno successivo volta pagina e ricomincia a collezionare momenti felici.

Ne ha tantissimi. Una raccolta da invidiare, di tante piccolissime cose che, messe insieme, assumono il potere di un’arma potentissima. Il sistema ha funzionato talmente bene che si è resa conto che quasi non le servirebbe registrare l’attimo, perchè ha scoperto che è comunque spesso felice. Se vi raccontassi con cosa sta lottando, non ci credereste mai. Eppure, fidatevi,  a chi ha a che fare con lei spunta il sorriso. O il mal di testa, quando parla troppo e non riesce a stare dietro ad un unico pensiero.

Per il 2017, perciò, auguro a tutti noi di essere capaci di raccogliere tanti piccolissimi momenti felici, proprio come fa lei. Una buona vita, dicono, è fatta di buoni giorni. I buoni giorni sono fatti di buone ore o anche solo di istanti, tutti quelli che riusciremo ad avere.

Advertisements

2 commenti to “Dicembre 2016”

  1. Difficile e’ riuscire a dividere la quotidianita’ in soli minuti per riuscire a vedere il bichiere mezzo pieno, magari ci potessi riuscire, ed e’ con tanta sana “invidia” che accenno ad un sorriso pensando a questa ragazza che , nonostante una gravosa battaglia, riesce ad essere cosi’ poetica e saggia da redigere un quaderno di frammenti di felicita’ quotidiana.
    Mi domando quanta incapacita’ vi sia in me o quanta amarezza sedimentata nel corso dei decenni che compongono gli strati della mia vita.
    Grazie per questo post e grazie alla ragazza, vado al muro del pensiero …..

  2. Mi pare un ottimo sistema .grazie
    Auguro giorni lieti
    Buon anno!
    .marta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: