De profundis per uno zucchino

Orto

 

Sabato mattina. Ore 8.30. Raccolta di frutta e verdura fresche nell’orto (non mio). Profumo, sapore, colori.

Sabato sera. Ore 20.30. Dopo un temporale che ha lasciato le piante spezzate, dilaniate, piegate.

Basta un attimo per perdere ore di cura e lavoro.

6 commenti to “De profundis per uno zucchino”

  1. vita dura quella delle contadinelle, ma che soddisfazione gustare le verdurine appena colte!

  2. Ne parlavamo giusto in famiglia l’altro giorno. Mio papà che coltiva un piccolo orto in montagna, ha dovuto buttare tutte le piante di pomodoro perchè il brutto tempo e il freddo le hanno marcite. Tutto quel lavoro, iniziato mesi fa, dal vanghare la terra, al piantare le piantine fatte crescere prima in vasetti, concimarle, curarle, attaccare i bastone, la copertura…e poi, tutto finisce nella spazzatura. Non abbiamo potere sulla natura.
    …però le zucchine stanno da dio!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: