Ferri da stiro e sconosciuti

Uno dei pochissimi momenti che trascorro con il televisore acceso è quello in cui sono alle prese con il ferro da stiro. Capita con una frequenza settimanale –  niente di ingestibile, per fortuna – e occupa un’oretta e mezza, dopo cena. A volte guardo un film, più spesso le puntate di qualche vecchia trasmissione o un documentario. Ieri ho avuto un incontro con ER: ai tempi della sua programmazione in prima visione non me ne ero persa nemmeno una puntata. Vedevo sangue e lacrime andare da tutte le parti, un oceano insopportabile e mai finito di dolore e fatica del vivere, adrenalina per endovena e per immagini. MI piaceva molto e mi rassicurava, nella sua finzione, sul fatto che non aver scelto Medicina all’università fosse stata, dopo tutto, una buona cosa.

A parte l’amarcord di bisturi, ieri mi è capitata una puntata del programma di Raitre “Sconosciuti” che ha avuto, come sempre quando ci inciampo, il potere di rasserenarmi. C’è qualcosa di rassicurante in queste storie di gente comune: c’è un lieto fine, nonostante le prove, le avversità e il dolore; c’è un punto fermo su un vissero felici e contenti che è solo precario, ma esiste nel momento della registrazione della puntata. E pace amen se dopo ci saranno fallimenti finanziari, divorzi, reinvenzioni, altri dolori, altre prove: i titoli di coda scorrono sui sorrisi. Gli episodi funzionano come le fiabe dell’infanzia. Non ci sono vicende eclatanti di grandi successi o di clamorose sconfitte: c’è la storia di gente che riconosco nei miei conoscenti, tra i vicini di casa, tra i colleghi di lavoro. E non mi importa se sono buoniste, se non deviano mai da ciò che è accettabile moralmente nella società italiana attuale, se raccontano solo di lieto fine: sono come le favole, appunto e funzionano come tali. Mi ci immedesimo, mi divertono, mi fanno fermare lì, tra programmi insulsi e telegiornali che sparano notizie sensazionalistiche senza approfondirne seriamente nemmeno una.

Stiro, sorrido e spiano le pieghe, almeno sul tavolo della cucina. Per le altre aspetto. E spero.

9 commenti to “Ferri da stiro e sconosciuti”

  1. io di solito becco “sconosciuti” verso la fine, in attesa che cominci Un posto al sole

  2. io credo di essere uno dei pochi che non ha mai visto ER e anche sconosciuti. Ma del resto, sono uno dei pochi a non aver visto tante cose

  3. fortunatamente ho la possibilità di stirare raramente…però ho sempre trovato più piacevole questa attività, tra le faccende domestiche, che tutte le altre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: