Rose in bloom

L’effetto dei primi raggi di sole caldi, della luce presto la mattina e più tardi la sera è sempre lo stesso: pare un risveglio. D’improvviso viene voglia di stare all’aperto, di dar aria alle stanze, di fare bucati e appendere le lenzuola fuori per vederle giocare col vento sui fili. Spuntano fiori e colori: il mio prato si riempie di viole, minuscole e sparse, che sono figlie delle figlie delle figlie di quelle piantate quando anche io stavo ancora germogliando.

L’esperimento dell’orto sul terrazzo dell’anno scorso mi ha insegnato che: l’insalatina regala soddisfazioni, i ravanelli deludono, il basilico soddisfa abbondantemente il bisogno invernale di pesto e che l’innaffiatura deve essere quotidiana, nei mesi caldi, perciò demandata ad altri quando sono in giro. Ieri  perciò ho ripiantato il lattughino da taglio e la rucola. Tra qualche giorno, o tra qualche settimana – vediamo che tempo fa e come si muove la luna – sarà la volta di nuovi esperimenti, su piccola scala: pomodori, zucchine e basilico greco.

La bicicletta in garage è pronta e ha voglia di uscire: è da un po’ che penso ad utilizzarla per andare in ufficio nella bella stagione. La elettrifico? Non la elettrifico? E’ interessante approfondire l’argomento: le bici elettriche e i loro misteri; il magico mondo dei kit. Cosa ne penserà il ginocchio? Si è appena calmato dopo un mese di dolore insopportabile. Sono 25 chilometri al giorno che è un’infinità per una che non si muove da anni. Però non è del tutto infattibile, anche senza elettrificazione, credo. Intanto che penso e pondero il tempo passa: meglio sarebbe salirci in sella a breve, provare a vedere dove arrivo e se arrivo un po’ oltre la volta dopo.

Alla fine, è primavera, no? E’ un buon momento per i nuovi inizi.

Il titolo non c’entra proprio niente col contenuto del post, ma ci stava bene ed è un omaggio a un libro che ho amato.

6 commenti to “Rose in bloom”

  1. beh, consiglio spassionato, se sei proprio a digiuno magari cominciare con l’aiutino e poi toglierlo far un po’ non è proprio una malvagia idea…

    • Serve qualcuno che spinga!!!

      Ho girato il web in lungo e in largo in questi mesi di elucubrazioni: alla fine pare che io abbia deciso per il retrofit di una vecchia bici a cui sono molto affezionata. Perchè spendere soldi in un nuovo quando ho un usato che mi piace ancora?! Il kit che farebbe al caso mio sarà in vendita solo a partire dall’estate. Ergo, l’aiutino arriverà dopo. Prima sarebbe meglio muovere un po’ le gambe, ad obiettivi intermedi. Oggi mi sono procurata: pompa piccola nuova e bomboletta gonfia e ripara (ho scoperto ieri che esiste una cosa così, pensa te!). Appena passa la prossima perturbazione, ci lavoro su.

      • buone pedalate, allora!
        (la bomboletta tienila, ma non farci troppo affidamento, serve solo per le emergenze per arrivare a casa con la ruota semisgonfia, poi la camera va comunque cambiata o riparata; forse allora son quasi meglio le camere d’aria auto-riparanti, per piccoli fori, così non hai da portarti il peso della bomboletta in giro)

  2. 25 km sono fattibili e se proprio vuoi allenarti con calma puoi fare l’andata in bici, tornare in autobus, partire il giorno dopo in autobus e tornare con la bici.

  3. 25km al giorno, per una come me che odia la bici… sembrano una distanza insormontabile!!!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: