Guadagno solo 5.440 euro.

La mattina mi sveglio – prestissimo in questi giorni anche se a breve queste levatacce non saranno più necessarie – e leggo i giornali sul web. Faccio un giro rapido, tra i quotidiani nazionali e le testate locali. Leggo i titoli, a volte l’intero articolo. Se qualcosa cattura la mia attenzione cerco fonti diverse così confondo il cervello già all’alba nel ping pong dei punti di vista.

Provo a delineare un’opinione personale supportata da fatti concreti. Fallisco quasi sempre: troppe campane con battacchi irosi e frasi  che non ammettono contraddittorio. Il televisore è quasi sempre spento: lo guardo animarsi solo all’ora di cena; ascolto con mezzo orecchio il telegiornale regionale. Negli altri programmi il livello delle voci intrude troppo la quiete: non mi piace ospitare persone che berciano nelle mie stanze. Sul web è più facile: basta un clic per smorzare l’eco di polemiche inutili e informazioni superficiali.

Mi immagino in una capanna di tronchi costruita in una radura nel bosco, sotto abeti secolari; oppure in due stanze basse, imbiancate a fresco, protette da persiane azzurre e dalla vista del mare. Intorno poche cose, mani screpolate e sorrisi aperti in visi segnati dal passare del tempo. Sogno onestà di comunicazioni dirette: fatti, numeri, avvenimenti. Sogno buone letture che insegnino il metodo per costruirsi un punto di vista a partire da queste, ad ignorare l’inanità delle chiacchiere vuote e a riconoscere le menzogne.

Poi ripiombo nel mondo, trascinata da certi titoli – “L’assessore si lamenta: Prendo meno non solo del mio capo di Gabinetto ma anche di un commesso” e mi chiedo se è vero e dove è successo che l’assessore si sia lamentato, se  ha detto proprio così, se  ritiene queste cifre non adeguate. Quali intenti costruttivi ci sono dietro un articolo così? Quali le prove a supporto? Quali i retroscena?

E, soprattutto, mi chiedofantastico su dove sia quel negozio (vedi che succede a non studiare Educazione Civica? )posto in cui un commesso guadagna più di un assessore perchè mi piacerebbe inserirlo in uno dei miei prossimi viaggi, un pellegrinaggio verso l’Eldorado. E’ solo mercoledi e tante altre tristi cose tutte uguali sono di nuovo successe.

12 commenti to “Guadagno solo 5.440 euro.”

  1. ho lavorato molto sull’argomento, ultimamente. fra poco – spero – completeremo un lavoro di cui sono autore e co-curatore. sempre piu’ i titoli di (alcuni) quotidiani sono frasi dette da tizio o caio. facci caso: sfoglia una qualsiasi repubblica, tanto per fare nomi, e conta. la frase e’ la notizia, il fatto passa in secondo piano. in un film, anni fa, le parole essenziali furono: “e’ la stampa, bellezza”. oggi non riesco a non pensare “e’ la stampa. tristezza”.

  2. Non che la cosa mi dia sollievo, anzi è pure peggio, ma credo che si riferisse ai commessi della Camera (dato che parla di deputati) che, per avere il fegato di stare tra certa gente, guadagnano 60.000€ l’anno.

  3. Penso che l’ assessore in questione vada fattivamente incoraggiato a trovarsi altrove un lavoro più consono ai livelli retributivi che ritiene di meritare e che senza dubbio gli verrebbero riconosciuti.
    In altre parole, perché non lo licenziamo ?

  4. Che fico, io l’anno scorso ci ho fatto un anno con la stessa cifra !!! e me la sono pure goduta.
    Sai che c’è voglio fare il suo lavoro … sì, un mese all’anno per il resto della mia vita !!!! =)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: