Sintomi e cure

SINTOMI

Avevi deciso che, tra fisioterapia, cose da fare in casa, roba di lavoro e viaggetti, non avresti avuto abbastanza tempo per preparare un altro esame di lingue, nella fattispecie il DELE C1 di spagnolo.

Poi ha deciso che la decisione di cui sopra avrebbe costituito un arresto nella tua scaletta delle cose da fare – o quantomeno da tentare. Inaccettabile. Quindi ti sei iscritta all’esame all’ultimo minuto.

Hai preparato, per tempo, una ventina di pagine di schemi grammaticali e di vocabolario riassuntivi, hai fatto tutti i temi d’esame che hai trovato, composizioni scritte incluse, e non sono andati malaccio. Manca, per arrivare serena a venerdi prossimo, giorno della sessione, una  convincente memorizzazione delle regole  e dei verbi e un concentrato ripasso. Sarebbe l’ideale, come una volta, quando eri una secchiona.

Avresti avuto ben quindici giorni per farlo ma stai facendo melina. Ti sei messa a giocare con la macchina da cucire e stai producendo sacchetti di cotone, vai a zonzo nei fine settimana, domani e per tre giorni ti rispediscono a Madrid – poco volente molto nolente – e oggi svolazzi di occupazione in occupazione senza deciderti a sederti alla scrivania a fare la persona seria.

CURE

E’ ora di smetterla di preparare esami di lingue che in Italia non servono a niente altro che a riempirti inutilmente il curriculum e a rovinarti le primavere. E’ ora di ammettere con te stessa che la vita da studente è terminata e che, se ti manca così tanto, dovresti prendere il toro per le corna, smettere di lavorare ed iscriverti all’università altrimenti ti fai solo il sangue cattivo in pensieri litanici di vorreimanonposso-vorreimanonriesco.

A settembre, se proprio proprio vorrai fare dei corsi, segui questa nuova regola: impara qualcosa di pratico e non di teorico. Fatti un bel corso di taglio e cucito, uno di cucina, uno di giardinaggio o, meglio, trovatene uno che ti insegni a effettuare le piccole riparazioni casalinghe di tutti i giorni in modo che, la prossima volta che ti resterà qualcosa tra le mani, tipo il cordino per tirare le tende, la tua prima reazione non sia quella di chiamare “papaaaaaààà” ma di cercare la scala e aggiustarlo.

D’altronde lo ha detto anche il sindaco di New York: “Non andate all’Università, fate gli idraulici“. E, se ti guardi intorno, in questi tempi bui, non potrai fare altro che ammettere che ha pienamente ragione.

Annunci

15 commenti to “Sintomi e cure”

  1. Ho appena ricevuto un commento, peraltro veritiero, da mio marito sullo stato di perenne malcontento e malessere che mi pervade, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo ed una volta raggiunto ale’ si ricomincia ….riusciro’ mai ad avere un po’ di pace? placarmi e gustare quello che ho, senza avere quest’ombra che mi segue ovunque e mi spinge ad essere sempre una “anima in pena?”
    Quando torno a casa ti daro’ lezionii di ricamo con il tamburello e poi via a ricamare iniziali sulle lenzuola !

  2. Io il corso di cucito l’ho fatto e ti assicuro che i tempi son durissimi anche per idraulici e affini: fossi in te, andrei all’università 🙂

  3. In fin dei conti ognuno ha le sue valvole di sfogo..chi si ubriaca il sabato sera, chi va a caccia di conquiste, chi fa shopping giusto per citare le più socialmente accettate…per noi anime in pena (e mi ci metto a pienissimo titolo) direi che studiare e fare corsi (io sono specializzata nella seconda, in praica lo zimbello di amici e parenti) è in fin dei conti il male minore 😉

  4. Io pensavo piuttosto a un corso di tango.

  5. pattylafiacca ha ragione, anche io sostegno che i libri siano la mia droga…
    o forse, il fatto è che mi immergo nei libri per non pensare, meglio, per non affrontare me stessa (oddio, detta così sembra un po’ da neurodeliri 😉 )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: