Minestre riscaldate

Credo nella sacralità di certi libri, nella loro bellezza, nella loro completezza di opere d’arte. Immagino sia così per ogni persona che si definisca lettore, per ognuno di quelli che sono stati bruciati dal sacro fuoco delle storie che si dipanano da una pagina all’altra, dall’incipit indimenticabile fino alla conclusione a cui si finisce immancabilmente per arrivare, ansiosi e riluttanti.

Ognuno ha il proprio testo sacro, forse ne venera più di uno. Tra i miei, per esempio, troneggia Orgoglio e Pregiudizio. Lo ritengo un capolavoro di perfezione: ritmo ideale per non far perdere l’attenzione, utilizzo magistrale del linguaggio, vena umoristica serpeggiante tra gli episodi, trama banale glorificata dalla maestria. Orgoglio e Pregiudizio per me inizia ogni volta che lo rileggo e termina nella mia fantasia quando arrivo all’ultima pagina; i personaggi sono così ben definiti che me li ritrovo intorno, senza sforzo, a leggere con me le loro avventure.

Sono di solito abbastanza scettica sulla capacità di tramutare la trama di un libro sacro in un film e, spesso, rimango delusa dai risultati perché preferisco vedere i personaggi muoversi nella mia testa, così come me li sono immaginata, e parlare attraverso la narrazione testuale, che ha regole e impatti differenti da quelli cinematografici. E se la BBC è riuscita qualche anno fa a creare la trasposizione televisiva ineccepibile di Orgoglio e Pregiudizio, così tanti altri hanno fallito, ai miei occhi, sporcando le mie creature di fantasia con la fisicità reale degli attori.

Sono invece sempre scettica sui risultati della ripresa, da parte di un autore, di un testo sacro scritto da un altro. Che bisogno c’è, ragiono io, di prendere in mano una cosa perfetta e di rimaneggiarla, allungarla, condirla in altre salse, farla continuare? Con quale diritto ci si accosta ad un mondo immaginato secondo una determinata tavolozza di colori da parte di un autore per pasticciarlo con tonalità che, di fianco all’originale, appaiono sbiadite, fasulle e posticce?

Perfino gli zombie hanno infestato i terreni di Pemberly in questi secoli. Speravo che almeno certi autori se ne tenessero alla larga ma pure PD James non ha resisto alla tentazione. “Morte a Pemberley”, avuto in regalo, letto ieri sera in un’ora e mezza per infilarlo diritto diritto nella lista dei libri da vendere.

6 commenti to “Minestre riscaldate”

  1. Le trasposizioni cinematografiche sono rarissimamente all’altezza dei libri da cui sono tratte. E di solito anche a me rovinano la “storia” che mi sono elaborata leggendo il libro.
    Nel caso che mi capiti di vedere il film _prima_, questo mi toglie curiosità e voglia poi di impegnarmi nella lettura.
    Indi per cui, se posso evito, sia prima che dopo.🙂

    Buona giornata,
    ciao Ondina

  2. su youtube trovi ottimi sceneggiati della BBC sottotitolati in italiano. Io sto terminando North andSouth e poi affronterò orgoglio e pregiudizio. avevo tentato di farlo con il libro in inglese ma poi ho mollato, forse la visione del film potrebbe giovare ad una ripresa della lettura in lingua originale

  3. Consiglio, della BBC, la filmatizzazione di “Bleak House” di Dickens. L’ho già detto? Chissà. Ma l’ho trovato perfetto. La visione richiede diversi giorni e occorre sapere bene l’inglese, ma ne vale la pena. Detto questo, Orgoglio e Pregiudizio della BBC è insuperato e insuperabile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: