Teatralmente sempre identico

Ieri sera sono stata a teatro.

A me piace il teatro e vorrei assistere a spettacoli di prosa più spesso. Mi affascina l’architettura del luogo, la costruzione della finzione, scene e costumi ma, soprattutto, la rappresentazione di uno spaccato di vita. Mi diverte, mi fornisce spunti per pensare, mi cattura. E’ catartico, come ben sapevano già secoli fa: è utile per rielaborare.

A volte le parole mi fanno venire la pelle d’oca e mi incantano: è successo quando ero piccola davanti ad Ave Ninchi in un Goldoni, o qualche anno fa, con la Medea della Melato o il Calibano di Silvio Orlando. Ci sono state serate in cui lo spettacolo mi ha lasciato indifferente o mi è sembrato piacevole ma non al punto di essere affascinante, come nel caso di ieri.

Andava in scena  “Un marito ideale”, della compagnia Lavia Anagni, in quella bomboniera meravigliosa ed assurda del Teatro Sociale di Brescia. Meravigliosa perché è una scatola di velluto azzurro carta da zucchero su un’intelaiatura di ferro nero in perfetto stile liberty; assurda perché ci sono innumerevoli punti da cui non si vede il palco o lo si vede da sopra o da sotto una delle suddette intelaiature, affossandosi nel sedile, allungando o torcendo il collo come una giraffa.

Al di là della riuscita della rappresentazione in sé, quello che mi colpisce sempre è l’attualità di certi testi, che siano stati scritti due millenni o qualche secolo fa. Le cose basilari della vita umana hanno valore universale e imperituro: l’amore, la morte, i legami famigliari, l’eticità dei rapporti sociali. Cambiano le fogge dei costumi, la tecnologia dell’illuminazione di scena, le modalità di emissione dei biglietti ma l’uomo non cambia mai. Siamo evoluti sotto una pluralità enorme di aspetti ma, se ieri abbiamo riso tutti davanti a battute che riguardavano i giochetti della politica è perché gli stessi giochetti avvengono ancora, 120 anni dopo, così come accadevano nei fori romani e nelle agorà greche. Come il teatro ci ricorda, implacabilmente, l’uomo è sempre uguale a sé stesso.

4 commenti to “Teatralmente sempre identico”

  1. È vero, ci sono cose che nei decenni non mutano e che ci mostrano la nostra natura immutevole. Spesso rileggo Shakespeare o Pirandello e mi sembra che tutto sia stato stato scritto solo poche ore fa!

  2. La natura umana è immutabile..cambiano i costumi, lo scenario, i tempi…ma la storia si ripete e si ripeterà sempre..all’infinito

    • Eppure non vi sembra un peccato che l’uomo non sia riuscito ad evolversi anche da questo punto di vista? Che non abbia provato a tracciare una percorso che riduca odio, brama di potere, meschinita’, corruzione cosi’ come dal carro trainato dai buoi e’ passato all’aereo?

  3. già. peccato non averne memoria, e ripetere gli stessi errori di sempre… (noi italiani, poi, per alcune cosucce siamo dei fuoriclasse, eh)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: