Dopo tanta attesa

L’ho piantata cinque anni fa, forse piu’, dopo averne vista una fiorita di grossi boccioli rosa in un febbraio in cui ogni colore assumeva sfumature di grigio, di inverno freddo e immobile.
Lei era la’, in un giardino sulle sponde del lago della culla, dove andavo spesso a camminare, prima di ritrovarmi con un ginocchio inutile, lei era una macchia viva e sfrontata. Ho pensato che avrei potuto avere fiori in giardino anche da lei, non solo dal calicantus, quando il mondo dorme in attesa della primavera e ne ho comprato un esemplare e l’ho piantato.

Cinque anni di attesa, senza un fiore, con le foglie malate, con il dubbio stesse soffrendo, con le cure di chi ha provato a farla stare bene. Le ho messo poco lontano la rosa verde, che invece continua a produrre infiorescenze indistinguibili, imperterrita e comoda nel suo angolo. Ho pensato di porre fine al tentativo, bruciandola nel camino, poi mi sono detta che era forse solo una questione di tempo. Certi fiori, come certe persone, hanno bisogno di piu’ tempo degli altri.

Domenica pomeriggio, mentre le passavo accanto, ho visto qualcosa di strano con la coda dell’occhio. Credevo fosse una carta di caramella, tante ce ne buttano nel prato i ragazzi che vanno a scuola in fondo alla strada, perche’ le carte bruciano sul fondo delle tasche, anche solo per pochi metri, bisogna liberarsene presto.

Invece no. Mi sono avvicinata e ho visto un fiore dischiuso. E poi altri boccioli in arrivo. E se a voi questi piccoli gusci sembrano poca cosa, a me invece pare moltissimo. A me invece sono sembrati bellissimi, questi petali rosa della mia camelia invernale.

Camelia invernaleRosa Verde

11 commenti to “Dopo tanta attesa”

  1. no,non mi pare per niente poca cosa .mi pare fiducia,costanza, libertà , sorpresa ,amore,rispetto .

  2. E sono le piccole soddisfazioni, le trascurabili felicità.

  3. Prendo il primo volo e vengo di persona a vedere questa creatura meravigliosa e tenace, come , del resto, chi a suo tempo l’ha amorevolmente piantata

    • Nico, io ti penso al caldo e un po’ ti invidio, qua dal freddo di Madrid o dai nostri luoghi in cui mi dicono cominciano a cadere i primi fiocchi di neve gelata. Il tuo vicino, sull’altra sponda del lago, ha quella grande e bella che tanto mi era piaciuta. Resta lì: quando tornerai spero sia doventata grande e bella anche la mia. Un abbraccio.

  4. E’ meravigliosa! E pensa allo spirito ribelle che ha dimostrato, con quel rosa tanto atteso che si oppone all’inverno!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: