Palos y tablaos

Domani sera torno a casa. Questi viaggi a Madrid per lavoro stanno diventando un’abitudine e si susseguono secondo un ritmo ormai quasi familiare.

Da qualche tempo ho iniziato a declinare gli inviti serali dei nostri ospiti – che sempre fanno di tutto per metterci a nostro agio, ci rendono il lavoro piacevole e smussano le inevitabili asperità’- e a non raggiungere nemmeno i colleghi per una cena tranquilla in albergo. Pochi lo capiscono, la parola “asociale” si riaffaccia come sempiterno ritornello, ma io ho spesso bisogno di stare da sola per recuperare le energie, svuotare il cervello, rimanere concentrata sul progetto che sta avanzando verso l’imminente scadenza, leggere, ascoltare musica morbida a basso volume, bere un te’ caldo e dolce in silenzio, ritrovare me stessa tra la stanchezza e la lontananza dalla mia casa, dalla mia stanza. Ho imparato ad ascoltarmi e il mio genere di asocialità’, alla fine, non mi sembra troppo estremo.

Esco solo una volta ogni viaggio adesso e, considerando che sono qui a settimane alterne, non e’ poco. Prese a dosi calmierate, queste uscite notturne diventano puro piacere, cultura, occasione di conoscenza di usi, costumi, parole, cibi. Questa volta abbiamo fatto una cosa pazzamente turistica: ci hanno portato al Corral de la Moreria, poco lontano da Palazzo Reale, a vedere uno spettacolo di flamenco. Anzi, a dar retta alla guida Michelin, a vedere il miglior spettacolo di flamenco del mondo.

Io non sono in grado di dire se ho visto il miglior spettacolo di flamenco del mondo, ne’ di aver inteso la storia che si svolgeva, cantata, ritmata, suonata e ballata, sopra il tablao, la piattaforma dedicata, del locale. Non so quali palos sono stati utilizzati, se le mosse erano facili o richiedevano grande maestria, anche se uno dei miei ospiti e’ un suonatore di flamenco e, di ritorno alla macchina, mi ha spiegato le nozioni fondamentali e mi ha dato il suo giudizio da intenditore.

Non lo so dire perché’ saperlo fare richiederebbe conoscenza e studio e io non li possiedo. So solo che, per quasi due ore, ogni cosa intorno a me si e’ sfuocata a poco a poco, mentre un ritmo ipnotico, lento, veloce, lento, velocissimo, controllato, vibrante, suadente mi ha ipnotizzato.

Come sempre accade, quando una cosa bella mi suscita emozioni profonde, desidero due cose: la prima e’ quella di avere le poche persone che amo, che siano o non siano più’ nella mia vita, insieme a me per dividere questa sensazione con loro e la seconda, non potendo soddisfare la prima, e’ quella – perfetta per un’asociale – di essere sola, tra completi sconosciuti e non tra persone che conosco a meta’, per quanto splendide possano essere, per poter continuare a tenere nella testa l’eco di questa bellezza, senza disturbi mondani, anche nel fresco della notte, fino al principio dei sogni.

6 commenti to “Palos y tablaos”

  1. quando si viaggia per lavoro, dopo una giornata intensa è anche bello starsene da soli, concedersi quei lussi che a casa non è possibile avere. E per lusso intendo anche il non fare nulla, sdraiati sul letto e vedere se la tv estera è migliore di quella italiana. Oppure perdersi fra le strade, a caso.

  2. Dopo anni di viaggi di lavoro, ho preso un po’ le tue stesse abitudini: il silenzio e il tempo per se stessi che si possono trovare lontani da casa hanno un fascino e un valore particolari. La tua esperienza con il flamenco mi ricorda un festival di danze tradizionali trovato per caso, una sera, mentre camminavo sul lungomare di Izmir, unica sola in un pubblico tutto di famiglie e amici, ma sentendo di condividere con i ballerini e le persone che mi circondavano molto di più di quello che potrebbe sembrare dall’esterno.

    • Benvenuta zanzana. Io non sono fatta per le folle e le compagnie, temo!
      Izmir, ricordi lontani di due estati di 25 anni fa. Mare, pesce alla brace sulla spiaggia, persone gentili e ospitali, musica e balli tradizionali una notte vicino alle onde…non avevamo bisogno di parlare la lingua: a gesti e sorrisi ci avevano accolto tra loro.

  3. Anche io non conoscevo la storia del flamenco, e tuttora non la conosco del tutto, ma ho provato le tue stesse sensazioni lo scorso anno e le ho messe in questo post, se ti fa piacere leggerlo. Un caro saluto
    http://curiosadinatura.wordpress.com/2011/10/24/marcare-accenti-condivisi/

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: