Roma. Dentro e fuori.

4 commenti to “Roma. Dentro e fuori.”

  1. Suppongo il dentro sia quello delle Scuderie, dove questa vista di Delft (che fu definita come il miglior paesaggio mai realizzato) pare sia una delle principali attrattive! Io ci andrò sabato. Non ho molte aspettative, ma credo sia una mostra da vedere anche per comprendere le diverse visioni di un quotidiano vissuto ed agito in Paesi lontani da noi anche nel Seicento. Di Vermeer ho visto opere diverse in alcuni musei e non mi ha colpito molto, ma la sua storia e il fatto che abbia dipinto pochissimo e sia morto povero ne rende affascinante la vita.
    Tu che sensazioni hai avuto?

    • Anche il fuori è ciò che si vede dalle Scuderie!
      Mi è sembrata una mostra piacevole, non eccelsa, in cui il richiamo lo fanno due o tre quadri, il resto è a contorno, così come spesso accade nelle Grandi Mostre che tanto vanno di moda in questi ultimi anni. Molto utile, in ogni caso, per tracciare una panoramica del periodo,dei contemporanei, per confrontare gli stili e i soggetti.

      Fastidiosissimi i segnali acustici che continuavano a suonare non appena qualcuno varca la linea di confine – cosa che succede ogni due minuti – incomprensibile il motivo per cui, in queste mostre, non esiste la possibilità di sedersi in centro alle sale e dare un’occhiata con calma. Sempre questa incredibile fretta di far circolare, transitare, fatturare, vendere le cartoline alla fine del percorso. Non ho capito il senso delle descrizioni del libretto; mi è invece piaciuto lo spazio espositivo,non c’ero mai stata.

      Io davanti al quadro della stradina di Delft ci avrei trascorso un’ora per osservarlo bene: i vetri delle finestre e le loro linee d’oro in rilievo, il contrasto tra l’ocra dei mattoni e i colori del legno degli scuri, i particolari, i giochi di fughe dietro le facciate.

      A me i pittori del Nord Europa piacciono, anche io di Veermer avevo già visto opere nei musei; spero di vederne altre. Mi piace la sensazione di attesa dei suoi quadri, di sospensione, mi piacciono i colori, la luce, gli interni, mi piace il fatto che siano rappresentazioni che riescono ad essere attraenti nella loro semplicità. Le vedute dell’interno delle chiese poi mi incuriosiscono molto. Mi fanno immaginare storie.
      Buona visione, Lois: leggerò sul tuo blog delle tue impressioni.

  2. Il quadro io l’ho visto ad Amsterdam prima dell’estate.
    Bellissimo.
    Pero’ devo dire che anche la vista della “mia” Roma non e’ male…. :o)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: