Quaranta. La gallina canta…

Trenta quaranta,
tutto il Mondo canta
canta lo gallo
risponde la gallina…

Socchiusi gli occhi, sto
supino nel trifoglio,
e vedo un quadrifoglio
che non raccoglierò…

…scriveva Guido Gozzano. Oggi compio quaranta anni e nemmeno io devo raccogliere un quadrifoglio. Dalla vita ho ricevuto molto di più di quanto  ho dato e, in questo momento, la fortuna non mi serve. Sto bene così.

La vita mi ha tolto mia madre: questo è purtroppo nell’ordine dell’esistenza umana e la fortuna nulla influisce. Da bambini ci insegnavano ad osservare le foglie che cambiano colore con le stagioni, verde chiaro e piccole in primavera, verde brillante e ben ancorate al ramo in estate, d’oro e di rosso in autunno e fragili all’innesto, marroni e secche per terra, a turbinare sollevate dal vento. Così accade per noi, per coloro che ci amano, per quelli che non conosciamo: non ce lo insegnano, perchè si preferisce sempre parlare di vita, ma lo dobbiamo imparare e accettare.

La stessa vita però mi ha dato mia madre e mio padre e l’incommensurabilità della loro cura, e altri familiari che mi hanno amata e accudita, e ho un piccolo ristretto gruppo di persone che sa come sono e mi vuole bene comunque. Non sono molte perché non sono mai stata frequentatrice di grandi folle, non ho mai avuto bisogno delle compagnie e, in tutta franchezza, non ho mai elargito grandi dosi di affezione agli altri. Ho ricevuto, appunto, più di quanto io abbia dato.  Questa, invece, è stata pura fortuna.

Non ho bilanci personali da fare, anche se la cifra tonda forse li esige, né grandi desideri da esaudire: ho il mio ruolino di marcia e, seppure ad andatura non sempre costante, con variazioni di percorso e lunghi tratti bui, a me sembra di non aver mai perso la direzione e di non aver mai tradito me stessa e le mie aspettative nei miei confronti. La considero la mia più grande conquista e mi auguro  di essere capace di proseguire nello stesso modo. Anche in questo caso la fortuna conta poco: è stata, soprattutto, una questione di pazienza, perseveranza, ostinazione, impegno e buone fondamenta su un terreno preparato con la cura a cui facevo riferimento prima.

A differenza dell’anno scorso, questa volta festeggio in sordina. Sono impegnata – e ne sono lieta – in un progetto lavorativo che mi assorbe molto tempo e mi entusiasma. Avevo pensato che sarebbe stato bello  trascorrere una settimana a New York ma ho rimandato questo viaggio a tempi più quieti e, per ingannare l’attesa, mi sono regalata moltissimi fine settimana, più o meno lunghi, in giro per l’Europa. Anche sabato sarò a zonzo. Vado a Roma: una mostra d’arte mi aspetta.

Fino a quando sarò capace di sentire la profondità delle parole che mi trasportano in mondi immaginati, di scorgere altri mondi nei tratti del colore e delle linee di un disegno, di ascoltare la musica e ritrovarmi con la pelle d’oca sulle braccia, di camminare lungo il fiume e lasciarmi attraversare dalla tranquillità, di vedere il mondo con la sensazione che sia ricco di cose e persone da conoscere, di tornare a casa e percepire le voci delle mie stanze – tra ricordo e presenza – di andare a dormire la sera senza altri pesi opprimenti sul cuore che non siano quelli che tutti dobbiamo portare perché siamo soggetti alle leggi della natura, di sorridere almeno tre volte durante il giorno, di commuovermi di nascosto una volta ogni tanto, di avere un porto di quiete in cui rifugiarmi quando fuori c’è tempesta ecco, fino a quando questo ci sarà, non mi servono i quadrifogli.

Poi ci penserò, se mai arriverà il momento di doverli andare a cercare.

16 commenti to “Quaranta. La gallina canta…”

  1. Questa tua capacità di assorbimento della vita è molto bella e ricca di spunti. Attraversare le stagioni e tutto ciò che esse comportano è già una grande sfida ma anche un percorso obbligato, fatto purtroppo pure di assenze e di sconforti. Ma come dici, quello -in tutta la sua gravità- è un passaggio dal quale non possiamo sottrarci. Sentirsi felici, nonostante tutto, e lanciarsi ogni volta verso nuove sfide e nuovi giorni -credo- sia l’unico modo per restare vivi ed assaporare della vita stessa, la bellezza e la sua ciclica rinascita.
    Un poco mi rispecchio in quello che dici e nel modo di leggere gli avvenimenti della tua vita (forse ho dato un po’ di più! Ma senza ricavarne poi più di tanto. Ma l’ho fatto perchè mi andava e mi sento di farlo); e mi sento felice di essere in grado di “scorrere” nella vita stessa senza farmi mai totalmente travolgere e schiacciare. Poi però, negli attimi di malinconia, mi chiedo se tutto ciò è dettato da un dose di sano ottimismo oppure è solo un cauto stoicismo mascherato? Comunque sia, fuori da ogni dettaglio filosofico, quello che mi sento di dirti (e dirmi; io lo zero lo raggiungerò tra meno di un anno) e che forse questa capacità di farsi coinvolgere dalla bellezza, dai giorni che si susseguono e dalla ricerca del proprio respiro ci rende consapevoli della vita e del valore che essa racchiude, ma soprattutto del “dono” che ci è stato fatto (a prescindere da ogni religione) e che dovrebbe renderci tutti veramente consapevoli e lieti.
    buon compleanno!

  2. Un anno fa io ho trovato un quadrifoglio e in certo qual modo l’ho raccolto: ho conosciuto te!
    Buon compleanno Rosaverde, grazie per tutte le emozioni che sei capace di trasmetterci.

  3. mi è piaciuta la serenità con cui hai descritto il raggiunginento dei tuoi primi quarant’anni.
    tanti auguri per i prossimi. Da un diversamente giovane come me, un augurio che in futuro possano essere ugualmente ricchi.

  4. auguri per la cifra tonda🙂
    mi piace molto il tuo modo di vedere la vita e la fortuna, mi ricorda molto il mio e mi hai regalato uno dei 3 sorrisi giornalieri che ci vogliono proprio tutti! grazie davvero

  5. “Fino a quando sarò capace […] di ascoltare la musica e ritrovarmi con la pelle d’oca sulle braccia”

    come l’anno scorso gli auguri te li faccio così… buon compleanno!

  6. heilà….anche se con ritardo valgono ancora gli auguri? E comunque fai bene a non fare bilanci….è dai quaranta in poi che inizia il bello…. 😉

  7. Anche se in ritardissimo accetta i miei auguri per il tuo compleanno 😦
    con un benvenuta nel “club degli anta” in cui devo dire, per quel che mi riguarda, si sta bene.

    Meravigliosa la consapevolezza della tua ricchezza, del tuo valore e di chi ti/ti ha circonda/circondato.
    Buona domenica, ciao
    Ondina

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: