Esoterismo sul Cammino di Santiago

Nei giorni in cui sono in Spagna per lavoro, i colleghi con cui collaboro – ospiti eccelsi – si stanno prendendo cura della mia educazione eno-gastronomica: è un’ottima occasione per sperimentare, confrontare ed imparare. Carne, pesce, riso, prosciutto, frutta, verdura e vino, ottimo vino, mi stanno svelando i loro misteri.

Sono sempre più convinta che gli spagnoli abbiano una mutazione genetica che permette loro di dormire cinque ore per notte e di essere vispi come grilli per tutto il resto del tempo: io salgo e scendo dagli aerei, lavoro, tento di parlare la lingua, faccio, brigo, disfo, e la sera, quando sarei pronta a rintanarmi sotto le lenzuola, è il bello che iniziano la festa. Si cena dalle 21.00 in poi; a richiesta – a farcela – si potrebbe anche sperimentare i dopocena. Di solito raggiungo strisciando le coltri verso mezzanotte, sfinita,con la pancia piena di cose buonissime.

Il lavoro è molto ma interessante, il dopolavoro alquanto istruttivo. Me la sto godendo, insomma.

La settimana scorsa, in una pausa tra un antipasto a base di jamòn – meriterebbe un post il prosciutto spagnolo – e uno di gamberi alla piastra, ho intravisto, al di là del vetro del bicchiere pieno di vino bianco galiziano deliziosamente freddo, un articolo incorniciato e appeso ad una parete del ristorante. Nonostante i fumi dell’alcol, mi è sembrato di leggere “Camino de Santiago”: dopo aver biascicato un “conpermesso”, mi sono avvicinata.

Era un vecchio ritaglio di giornale, ingiallito dalla luce nonostante la protezione del vetro, che spiegava le origini del gioco dell’Oca, sostenendo la tesi che le caselle altro non siano che le tappe del percorso. Sembra ci sia un legame tra questa struttura, i Templari (i Templari sono come il prezzemolo: li infilano ovunque) e il significato simbolico delle oche.

La serata è terminata in chupitos e io mi sono dimenticata di approfondire fino a oggi, quando ho riletto un appunto disperso tra le note che mi ero presa – i nomi delle cantine, per l’esattezza – e ho cominciato a cercare notizie su internet.

Certo, fossi passata ai tempi per la piazza del gioco dell’oca a Logrono, invece di trasferirmi direttamente dopo una tappa estenuante dal Cammino alla doccia della palestra e dalla palestra al materasso buttato per terra sotto il canestro, magari il nesso non mi sarebbe sfuggito ma, come si dice, non è mai troppo tardi, neppure per tuffarsi tra misteri esoterici dei pellegrini.

4 commenti to “Esoterismo sul Cammino di Santiago”

  1. quella del gioco dell’oca l’avevo letta anche io…o forse mi confondo con qualche altro pellegrinaggio. O con qualche storia dei templari, sì, quelli ormai li mettono dappertutto.

  2. Ammirazione sconfinata: per come reggi, per il tuo fegato, per la tempra. Io non reggerei tre giorni, se non dormo le mie otto ore posso anche funzionare a un certo livello di bassa sopravvivenza, ma non certo sul lavoro.
    Concordo sul fatto che il jamòn (serrano, iberico, pata negra o che sia) ha ben poco da invidiare a Parma, San Daniele e Cinta Senese. Anzi. Anzi.

    • Siamo solo agli inizi, Arte…andando avanti così cinque mesi sono lunghi da passare, come diceva una canzone…non so quanto reggo!In ogni caso tutte le volte riesco a mangiare etti di jamòn senza raggiungere la nausea, me lo proto pure a casa e, ogni volta, mi sembra più buono.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: