Onomatopee

Brum,trttr,ttrt,brum,brum diceva il motore del camper che risaliva la penisola bollente mercoledi pomeriggio, attraversando la pianura padana cotta dal sole, fermandosi ai piedi delle Alpi davanti al cancello di casa.

Clang, creak hanno salutato il cancello e le porte mentre il profumo di casa invadeva le narici e mi dava il bentornato, una volta ancora.

Tic,toc,tic,toc,tic,toc hanno ritmato i piedi su e giù per le scale, mentre scaricavamo le nostre cose e l’ultimo atto della vacanza veniva completato.

Swosh,swosh,swosh cantava la lavatrice caricata più volte fino a notte, prima il bianco, poi lo scuro, poi i colorati chiari, poi i salviettoni da spiaggia e da doccia e poi… Poi basta, tutto era di nuovo pulito.

Zzzz,zzzz,zzzzz minacciavano le zanzare sul balcone mentre stendevo il bucato all’aria della notte e poi tic,tic,tic,wooosh, uuuh,uuhhh,craaack, broombroombooom, tic,tic, tic danzavano alcune ore dopo la pioggia, il tuono e il vento dall’alto della valle muovendosi verso il lago, il loro cammino illuminato da mille lampi. E ancora zzzz, zzzzz, zzzzz  ridevano le zanzare mentre ritiravo i panni profumati e umidi in tutta fretta mentre le case accanto dormivano.

Ccshhhshhsss, ccshhhshhsss canterellava la moka la mattina dopo in risposta al mio yawn; bip,bip diceva il PC dell’ufficio pronto a rimettersi in moto nel silenzio di un’azienda ancora quasi deserta, dlingdlong risuonava il campanello del negozio davanti a casa, swiff,swiff,ouff,swiff scorreva il ferro da stiro sulle magliette e i pantaloncini, bauf,bauf, mieao,mieao confabulavano gli animali del quartiere alla ricerca di un angolo in ombra, zac,zic,zac si muovevano veloci le forbici dal parrucchiere a sfoltire la frangia e pareggiare le punte. Bla,bla,bla, cicalavamo ieri sera davanti ad una grossa pizza divisa in tre, donne ciarliere e allegre che discutevano di tutto e di niente mentre la cittadina fuori si addormentava.

E i rumori di sempre hanno sostituito pian piano lo sciabordio delle onde del mare.

Sigh, sospiro stasera, completata ogni cosa, nella quiete della mia casa, i vestiti per domani già pronti, mentre punto la sveglia del lunedi. Si ricomincia. Sigh. Sigh.

6 commenti to “Onomatopee”

  1. Quanti ricordi queste onomatopee! … Ho vaghi ricordi di uno “sciabordio delle lavandare”…
    Buona ripresa!

  2. Secondo settimana dopo le ferie.. uff!

  3. Eh, lo so è dura rientrare al lavoro dopo le vacanze, e peccato che queste ultime volino troppo in fretta, ma pensiamo, dai, che siamo state fortunate a poterle fare.🙂 Siccome ha già ripreso da qualche giorno, come va ora? Già ingranata completamente o sei ancora con la testa in vacanza? Io ci sono rimasta per lo meno una settimana ancora con la testa in ferie dopo essere rientrata in ufficio … Buona settimana, ciao

    • Difficile rientrare. Ho ingranato subito, con il pilota automatico, ma non mi sono ancora rassegnata alla fine delle vacanze e continuo a ritagliarmi, fino a meta’ ottobre, microfughe per ricordare al cervello di non smettere di pensare e di essere curioso.
      Buon inizio di una nuova settimana.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: