Sacro e profano, azzurro e oro


Di sabato, a metà giugno, sono stata a Padova, a visitare, dopo molti anni dall’ultima volta, la Cappella Scrovegni.

Quindici minuti in un ambiente così ricco di colori, immagini, simboli e suggestioni paiono quindici secondi. Non mi sono ancora ripresa dall’effluvio di sensazioni che mi sommergono all’entrata che già si deve uscire. Il microclima è protetto, le lancette corrono veloci e mi strappano da un luogo in cui il tempo pare essersi invece fermato.

Quello che era stato creato per essere sotto gli occhi di tutti ora è protetto, prezioso, calmierato. L’intelletto lo comprende, il cuore si ribella mentre lo sguardo cattura quanti più frammenti d’immagine possibile, imbevendosi di essi.

In ogni centimetro delle pareti c’è una figura da osservare, particolari da notare, giochi tecnici da apprezzare, sfumature di colore che creano materia. Poi alzo il naso, verso il soffitto, dove brillano centinaia di stelle dorate in campo di azzurrite e mi vengono in mente frammenti di una poesia che lessi anni fa, scritta sullo sfondo di un’altra città veneta. Mi stupisco una volta di più di quanto il sacro, nell’intreccio dei miei pensieri, sembri sempre richiamare il profano. Che forse profano non è.

Poi, quando mi hanno buttata fuori, dato che ero dell’umore giusto per continuare a mescolare due concetti opposti, ho passeggiato con calma fino in Piazza delle Erbe dove c’è un luogo in cui, in cambio di pochi euro, un mestolo si tuffa in un grosso recipiente di rame e ne risale ricolmo di crema di nocciole e cioccolato fondente da trasferire in un vasetto di vetro che nel mio zainetto ha trovato subito dimora. In questo caso niente versi di poesia in accompagnamento ad una visione che ha del sublime ma, il sabato successivo, un Sauternes, a perfetta conclusione di una  cena tra amici in cucina. In questo caso due cose profane hanno creato una combinazione che, se sacra non era, ci andava comunque molto vicino.

“…in quell’azzurro tutto pieno d’oro…
io tramontavo… e tutto trascolora…
aspetta ancora azzurro, ancora imploro…

tramontavo nel sangue dell’aurora…
nell’azzurro e nell’oro… ad implorare…
tu non mi amavi, non mi amavi ancora…

tu tenevi in custodia la tua vita…
Tesoro, aspetta… sì, fammi tremare
e palpitare sotto le tue dita…

Rimetteremo in moto cento cieli…
d’oro e d’azzurro…oh, d’azzurro e d’oro…
se staremo distesi e paralleli…

sì, mettimi una mano tra i capelli…
sto migliorando… vedi che miglioro…
cuore ferito da mille coltelli

che mi sanguina ancora… azzurro e oro…
che sanguina… tesoro, oh mio tesoro…”

Patrizia Valduga – Prima antologia

Advertisements

11 commenti to “Sacro e profano, azzurro e oro”

  1. La Cappella è meravigliosa, però il tempo limitato per ammirarla è veramente ridotto. Occorerebbero giorni e giorni di letture per scoprire ogni volta nuovi volti e nuovi colori. Peccato che i nostri governanti non ne hanno molta considerazione (purtroppo dell’intero patriimonio), se non ci sarà un’altra forte crociata (come per Villa Adriana a Roma), a meno di centro metri avvieranno i lavori di costruzione di una torre alta e moderna per uffici, provocando l’alterazione della falda acquifera che passa anche sotto la cappella…

    • @lois: davvero? Ma come, con tutti quei discorsi sull’umidità, le crepe, le fessure, i crolli…con i quindici minuti di contemplazione. Villa Adriana è meravigliosa e in declino, Pompei strepitosa e lasciata a se stessa, i Musei Vaticani obsoleti e superbi…Ci sono luoghi nel mondo così poveri di bellezza che ogni minimo oggetto è scusa per un museo cittadino. A Cuba per esempio, in cui intorno alla tabacchiera e alle mutande del Che ci fanno proclami e ed esposizioni. E noi che abbiamo tutta questa meraviglia non sappiamo proprio più come disfarcene. Sembra quasi che la mancanza crei il desiderio e l’abbondanza lo svilisca.

      • È bellissima la frase finale! Complimenti!a è purtroppo proprio così!! Ho lavorato alcuni anni fa a degli scavi in Normandia, bellissimi, ma rispetto a quello che abbiamo noi, è niente. Ebbene, oggi a Vieux, esiste un museo di archeologia metaviglioso con attrezzature e ambienti spettacolari, e la cittadina conta meno di 1000 abitanti!! ..e qui da noi Pompei è alla frutta!!

  2. orca e tu mi dice che sei stata a padova? accidenti. strabuzzo. e io dove ero?

  3. no, accidenti. conosco un milione di posti da aperitivo però.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: