Tableaux vivants

Mi è sempre piaciuto Brueghel. Potrei trascorrere ore ad osservare uno dei suoi quadri e a contare, come fanno fare ai bambini, il numero di personaggi raffigurati. I cacciatori sulla neve, i giochi e le feste di paese: in ogni angolo, attraverso ogni finestra, sotto ogni stipite di porta, accanto ad ogni edificio si sta svolgendo un’azione semplice che, sommandosi a tutte le altre, dà vita ad un racconto lunghissimo di quotidiane abitudini.

I toni del nero e del marrone che fanno da sfondo ai soggetti si illuminano di macchie di rosso, verde, blu, bianco e oro. I capolavori dei pittori russi a Mosca e San Pietroburgo mi hanno ricordato Brueghel, proprio per certi accostamenti di colore, e quando vedo un quadro naif non posso fare a meno di pensare a quando magnifiche siano le composizioni dei Brueghel che naif non sono ma che sono costellate di umanità indaffarata.

A Como, a Villa Olmo, è in corso una mostra  che ho visitato alcune settimane fa: l’ambientazione è ottima, i quadri numerosi e l’esposizione interessante. Mi sono persa nel Censimento di Betlemme, mentre il sole illuminava il lago, i cigni si riposavano pigri tra le darsene delle ville e la primavera soccombeva per qualche ora davanti all’inarrestabile insistenza di una mattinata estiva.

Ieri sera ho guardato I Colori della Passione: qui e qui due schede di approfondimento. Il film non è facile, richiede paziente attenzione mentre sullo schermo si compone il quadro e pian piano l’occhio del pittore rintraccia tra le vite comuni un percorso universale. Le scene sono cariche di suggestioni nella semplicità e nel silenzio.

E, naturalmente, ho aggiunto il Museo di Storia dell’Arte di Vienna tra le mete del prossimo futuro.

3 commenti to “Tableaux vivants”

  1. Ho avuto il piacere di vedere Il film, che giustamente (come titoli il post) è un’insieme caleidoscopico di tableaux vivents. È di grande suggestione ed anche se “impegnativo” è bello da guardare e da sostenere come esperienza estetica fine a se stessa. Brueghel è stato poi a mio avviso uno sceneggiatore “anzitempo”, nei sui affollati dipinti, ci sono miriadi di storie che si avvicendano e vivono di vita propria, sistenendo però ed ampliando la veduta d’insieme, che come dici, potrebbe coinvolgere un osservatore per ore ed ore, strabiliando senza sosta nelle continue scoperte.

    http://assolocorale.wordpress.com/2012/03/26/tutti-i-colori-della-passione/

  2. mi piace quel contare, come fanno i bambini. A me piacerebbe stendermi in poltrona e guardare questi dipinti su uno schermo, prima l’insieme e poi, uno ad uno i personaggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: