Pance e vino. Musica e cuore.

Un alpino che si rispetti, superata una certa età, deve essere preceduto dalla sua pancia. Un alpino vero ha come migliore amica una damigiana di rosso e come fidi compagni pane e salame. Un alpino degno di questo nome farà sempre un complimento ad una ragazza, che abbia otto o ottant’anni. Gli alpini fanno casino intorno ad una tavolata, si rimboccano subito le maniche e si danno da fare, quando c’è bisogno, sanno perché è importante sfilare fieri dietro una bandiera.

Gli alpini salutano coloro che amano dicendo che “sono andati avanti” perché hanno la certezza che, oltre le cime dei monti, ci sia un luogo tutto da esplorare. Gli alpini formano cori a voci scoperte per raccontare di sè.

C’erano settanta di loro, questa sera, in una chiesa di frazione, gremita come in un giorno di festa grande, a ricordare chi è andato avanti nel mondo nuovo e a salutare chi è arrivato da poco in questo mondo. Il coro con il maglione rubino e la camicia azzurra si è mischiato al coro con il maglione rosso e la camicia azzurra appena sotto l’altare. Altra distinzione di origine non aveva più importanza.

C’era un solo impeccabile maestro, che li dirige entrambi; c’era mio padre, che non è mai stato alpino ma maestro di coro sì, poco lontano, a percorrere con loro la strada di un linguaggio comune. C’erano, tra i banchi, persone del quartiere, amici che non vedevo da tempo, gente che non conosco – io che so poco del mio paese – ma spesso capisce chi sono perché assomiglio a mia madre. C’erano un parroco angelico e i paramenti pasquali che ancora adornano l’abside.

C’erano moltissime cose. Poi non ci sono state più, quando si è levata la prima voce. Da quel momento c’è stata solo la musica.

Canti di prati, montagne, laghi, amori lontani, guerre, preghiere, valli, ricordi, rimpianti, stelle, boschi, addii, culle di bimbi. Voci di settanta uomini uniti leggere, in accordo, in parti sovrapposte, in un unico suono, piene e magnifiche, sussurrate e sottili, in assolo pulito.

C’erano lacrime negli occhi di chi cantava perché quando il cantare insieme raggiunge così l’armonia è inevitabile sentirsele scorrere sulle guance. C’erano sorrisi sulle labbra di chi cantava perché la bella musica condivisa è allegria e speranza.

Noi vedevamo tutte queste cose e le riflettevamo, parallele, sui nostri visi. A lungo, al termine del concerto, abbiamo riempito la navata e attardato l’uscita.

Fuori, ad aspettare, c’erano una calda sera d’aprile, la luna chiara a metà, il cielo pulito e una profondissima quiete.

Annunci

8 commenti to “Pance e vino. Musica e cuore.”

  1. ci sono alpini di servizio, ex alpini, gente che ha fatto il militare e poi ci sono gli alpini nell’animo. Di sicuro i canti degli alpini avvicinano alle vette. E commuovono più di un tango romagnolo

  2. A me piace cantare e mi trattengo a stento (il più delle volte proprio non mi trattengo 🙂 ) a non accompagnare con la mia voce il canto.
    E i loro canti sono fra quelli che mi stimolano molto.
    E gli alpini trasmettono e sono uniti da tanta passione e solidarietà.

    Buona domenica Rosaverde, ciao

  3. Mio padre è un alpino e fiero di esserlo come solo gli alpini sanno essere. L’ho accompagnato a tanti raduni ed escursioni montane e sono fantastici. Certo, bevono come pochi, ma cantano come nessun altro… Joska la rossa, Signore delle cime…
    Una cosa mio padre mi dice sempre: quando muore vuole il cappello nella bara. Come un vero alpino!!

    • @ilsonnambulo. Bevono come nessuno ma solo vino rosso e in compagnia. E tra poco c’è l’adunata: in questi giorni stanno scaldando i motori 😉

      @ilmiosguardo: canto anche io, rovinando tutto. E quando il maestro chiama una cantata generale, tripudio!

      @esercizidipensiero. Lacrimoni, di quelli belli.

  4. Io conosco un alpino magro, ma per il resto è uguale. Che bella sera, ma sul tuo lago non piove?

  5. E’ strano, nella mia famiglia valligiana non ci sono alpini, ma gli alpini sono intorno a noi e non c’è nesuno come loro per cantare, per stare assieme in allegria e per darsi da fare quando ce n’è bisogno. Se fossi nata maschio avrei voluto essere uno di loro… ma ai miei tempi il servizio militare femminile non esisteva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: