Spazi di libertà

                                                                                FUORI


                                                                           

                                                                   DENTRO E FUORI

Quadro: per gentile concessione di Franco Pina 

17 commenti to “Spazi di libertà”

  1. buona giornata cara. che bellissima finestra sul mondo (il mondo dentro e il mondo fuori).

  2. wuaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaau!
    mi strsapiacciono entrambi!!!
    il primo quadro mi ricordano certi paesaggi tipicamente altoatesini della mia infanzia. il secondo… beh… lascia molto spazio all’immaginazione.

    • Anche a me piacciono.

      Il primo e’ quello che ogni giorno posso vedere. La mattina gli volto le spalle e mi ritrovo spesso, dopo anni, a guardare negli specchietti retrovisori per ammirarlo piu’ a lungo. La sera guido con questa visione dal parabrezza. Nelle giornate di sole primaverili, con l’ultima neve sullo sfondo, toglie ancora il fiato.

      Il secondo e’ una speranza, una trasformazione in corso, un obiettivo, una metafora del crescere. A Franco ho detto che la donna sullo sfondo, per essere perfetta nella mia interpretazione, dovrebbe salire le scale verso la luce a spalle diritte e testa alta. Come in tutti i quadri, pero’, ognuno deve poter vedere cio’ che vuole, alla propria maniera. E l’artista e’ solo un tramite.

  3. il primo è una foto
    il secondo un incubo

  4. Davvero il primo lo vedi tutti i giorni? Anch’io un tempo avevo qualcosa di simile davanti alla mia camera di ragazzina, ma poi lo hanno riempito di capannoni.

    • Non dalle finestre di casa: da lì solo qualche cima. Ma appena fuori di mezzo chilometro dal centro abitato, sulla direttrice che percorre la valle, la vista è questa. La foto però è stata scattata in un posto migliore: una delle piste ciclabili lungo gli argini del fiume.

  5. il quadro è un incubo, sia nella forma che nel contenuto
    come la poesia, è una forma espressiva che non capisco, non mi da nulla se non la fatica di trovarci qualcosa
    preferisco le foto che sono ciò che riportano.
    linearità nella comunicazione
    come la matematica
    arte portata alla perfezione.
    nessuno spazio all’interpretazione
    solo essenza pura di verità

    tutto il resto è illusione o noia

    (a me un mese di pioggia fa peggio che una megadose di acido solforico in vena, o di ottimo LSD in pancia.)

    VOGLIO il SOLEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
    Voglio le mie STELLEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    aiutoooooooooooooo

    Bernacca risorgi come l’araba fenice e portami un meteo positivoooooooooooooooooooooo

    uffa: ci mancava anche la pioggia. non bastava beppe grillo

    che stagione di pattume ragazzi…..

    ohibò

    GB

    • Coraggio! Il sole tornerà e la terra aveva bisogno di pioggia. Anzi, è già tornato questo pomeriggio.

      Io percorro attraverso le parole gli stessi cammini che tu identifichi tra le stelle. Non noia né illusione ma verità in altra forma.

      E poi scusa, che c’è da capire quando si leggono versi così se non l’amore? E anche lei parla di stelle!

      Vorrei poter suonare quei violini

      che solo a notte adeguano le stelle
      
e dirti e dirti che così vicini

      possiamo amare tante cose belle;
      
ma tu ti rifugi nel silenzio

      delle tue stanze e non odi oscuro
      
questa divina musica lontana
      
che sì mi batte in cor tanto sovrana
      
che mi fa meraviglia delle stelle
      
(a te ho dato le cose mie più belle).

       Alda Merini. Vorrei poter suonare

  6. Sarà come tu dici.
    in cuor mio quando qualche viaggiatore approda nel mio blog e mi loda per il contenuto presunto poetico, mi vergogno molto.
    Sono nemico giurato della poesia, al punto che ritengo un insulto il vedermi in qualche modo ad essa associato.
    la miglior poesia è quella non scritta perchè nessuna parola può contenere l’emozione o darne una seppur misera rappresentazione.
    forse un’immagine veicola meglio uno stato d’animo anche se per me il respiro dell’Amore può essere solo vestito di Musica.
    E l’armonia riporta all’eleganza della matematica, alla pienezza di una simmetria o alla limpidezza di una geometria.
    La verità non può avere altre forme se non la propria
    noi possiamo coglierla in quei rari momenti in cui sei allineato al creato, in sintonia con il pulsare dell’Universo.
    Le Stelle sono ben Oltre l’uomo.
    Nessuno può cantarle.
    Possiamo solo ammirarle.
    ed amarle.

    GB

    (ipse dixit in oracolatus modi)

    Oggi sono proprio fuori.

  7. Il secondo ha dei colori stupendi..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: