What’s clutter? – incursioni minimaliste e sproloqui inglesi

La mia insegnante di inglese ormai sa quasi tutto di me. D’altronde l’ho chiesto io: devo esercitarmi nella “conversescion” e, visto che faccio più fatica a stare zitta che non a parlare e che lo small-talk mi mette a dura prova, si finisce sempre per discutere della mia vita. Nelle ore di lezione privata non riesce a sottrarsi alla cascata di parole sconclusionate nel mio inglese tenuto insieme dal nastro adesivo e da molta fantasia; nelle ore di lezione collettiva prova ad arginarmi, con il doveroso rito del giro di tavolo. Il problema è che raramente ci riesce.

L’ultima lezione di gruppo è cominciata con grandi speranze reciproche. Il consueto “any news?” che, di solito, si esaurisce velocemente, perché sembra che abbiamo tutti delle esistenze piatte e monotone, giovedì scorso era tutto un pullulare di novità altrui. Le avevo già raccontato le mie, di news,  il giorno precedente, nella lezione privata: non mi piace essere ripetitiva. Ho passato il testimone. C’era una nuova compagna: rumena ed hostess. Mi galvanizzano gli ambienti cosmopoliti: ho felicemente trascorso questa settimana con l’ufficio pieno di colleghi stranieri con inglese, francese e tedesco che si mescolavano senza pudore. Sono rimasta buona buona a meditare sulla teoria della relatività: uno dei requisiti di selezione sembra sia la capacità di toccare il soffitto dell’aereo con le mani. Io arrivo a stento ad aprire la bagagliera.

Da qui il discorso ha sconfinato nei riti stagionali rumeni: per chi non lo sapesse, come me, in Romania il primo marzo, giorno del La Vecchia Dochia,  è considerato l’inizio della primavera. Ci siamo trasferiti poi nelle abitudini culinarie persiane: no, uno del gruppo non è un gatto. E’ di origine iraniana ed era appena stato a trovare la madre. Sono a zucchero ridotto e senza cioccolato dal mercoledi delle ceneri, non per credenze religiose né per forme di espiazione, visto che, secondo me, espio già a sufficienza semplicemente vivendo, ma per una prova di forza nei confronti di me stessa. Mi sono perciò immersa in una breve seduta privata di training autogeno quando hanno cominciato a parlare, tra gli altri, di un dolce tipico che assomiglia ad un grosso bignè farcito di panna.

Il metodo didattico prevede che si parli di qualunque cosa, basta che lo si faccia in inglese. Capita spesso che del canovaccio della lezione sembra si perda ogni traccia e ci si ritrovi a vagare, con mia delizia, per campi di fragole. Quindi nessuno stupore se dai maritozzi siamo atterrati tra i daffodils in fiore nel Wales e in Irlanda per apprendere che, mentre i rumeni ripongono i maglioni di lana, il primo marzo i gallesi festeggiano il patrono Saint David. Siamo evidentemente stati di poco supporto all’insegnante, in preda ad un attacco di nostalgia acuta, perché ha subito brandito un foglio di carta e ci ha inchiodato con la poesia Daffodils, di Wordsworth.

Anyway, mentre ci stavamo ripigliando e io stavo meditando, sempre in relativo silenzio, sul fatto che l’incipit – I wandered Lonely as a Cloud – suonerebbe molto bene come sottotitolo per il mio blog, il percorso ha subito una nuova deviazione: “what’s clutter?”. Mi sono fatta ripetere la domanda perché non volevo crederci ma il mio cervello l’aveva già elaborata ed era ormai preda della sindrome di Hermione, che ha trascorso i sette libri della saga di Harry Potter con la mano alzata durante le lezioni. “LA SO. LA SO. LA SO! HO DETTO CHE LA SO! E FAMMELA DIRE….!”.

Fine del silenzio, si sono riaperti i rubinetti. Clutter, declutter, downshifting, minimalism: fermatemi, se ci riuscite, mentre divulgo il verbo. Ho avuto un solo attimo di esitazione, quando la nostra nuova compagna ha detto che possiede una decina di jeans perché mi sono resa conto che, probabilmente, io ne ho qualcuno in più. Mi sono però ripigliata subito:  “who cares?”. Ogni cammino inizia con un piccolo passo e poco importa se ha fatto il giro largo davanti all’armadio dei jeans.

Dai, minimalisti, che si è riaperta la stagione del lancio nel cassonetto: lo dice anche la mia profe di inglese!

One clear-out trigger: Spring. The sense of new beginnings and first rays of sunshine make March one of the busiest times for professional declutterers.

Annunci

12 commenti to “What’s clutter? – incursioni minimaliste e sproloqui inglesi”

  1. Emozione! Con Wordsworth mi hai riportato a una delle prime lezioni alla Eckersley di Oxford! Ecco. E mi è pure tornata la voglia di andare a “Edimbra” a vedere le distese di Daffodils! (ho cercato su youtube un video dei muppets: miss piggy che recita the daffodils. Acc, missing from you tube)

  2. Con la primavera inizierò il decluttering degli addominali .. ma con un declutter vero! Altrimenti chi ce la fa ad entrare nell’unico paio di jeans che ho? Go Rosy go…

  3. Piacevole lettura 🙂 come sempre del resto su questo blog!
    Un caro saluto,
    Angy
    P.s. Anche qui sembra iniziata la primavera si vedono crucchi in giro senza giubbotto mentre io rimango ancora imbacuccata nel mio piumino, il cappello però non lo metto più!
    🙂

    • @ilsonnambulo. Sìsì! Da domani però, ok? Il sabato pomeriggio è dedicato ad un prolungato catnap.

      @Laura. Ecco, appunto. La mia profe di inglese conosce anche te, non credere, in quanto mia fornitrice ufficiale di edu-links (miss piggy inclusa)

      @Angela. Tempo al tempo. Vedrai che l’anno prossimo per Pasqua tornerai in Italia a fare il bagno nei laghi!

  4. mmmm è da settembre che decluttero..mi sa che a primavera invece mi dedico all’ozio XD

  5. … quindi più che una lezione di inglese forse per te è una seduta psicanalitica (individuale e di gruppo) 🙂

    PS: Inglese??!?!? Ma vuoi mettere la musicalità, ma passionalità, la dolcezza… dello spagnolo??

    • @yliharma. Lo so! Ti leggo nel blog. Io invece è da settembre che mi limito ad evitare accumuli!

      @Svetonio. Proprio così. Torno a casa svuotata e dopo dieci minuti dormo.
      PS: vado a semestri. Questo è quello dell’inglese, causa balzana idea di preparare il Proficiency. Poi tornerà anche il tempo dello spagnolo.

  6. se eviti gli accumuli sei già a metà dell’opera! 😉
    e forse è anche più difficile della fase di decluttering…

  7. Ripenso sempre volentieri ai tempi in cui a scuola di inglese serale c’era la “conversescion”.
    Un’ora a parlare del più e del meno con gente sconosciuta e con la recondita speranza di broccolare un po’.
    Non so se l’ho imparato bene, ma quanto mi sono divertito…. 😉

  8. ma come!! minimalista e con più di dieci jeans nell’armadio!!! 😀 in realtà primavera non so, a me viene voglia di comprare, in questo periodo: cose leggere, primaverili, colorate, e poi tazze, bicchieri, impicci per cucina in tutte le tonalità del verde e del giallo…..(ma finora mi sono trattenuta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: