Atarassia e ordine

Ad un certo punto della serie – prima che si trasformasse da gioco intellettuale a onirico incoerente peana della psicotropia – il Dottor House sperimenta un nuovo farmaco che, per qualche giorno, annulla il continuo devastante dolore alla gamba. La sostanza funziona così bene che salta perfino sullo skateboard e ritorna più ragazzino di quanto sia già. Poi tutto svanisce e la sofferenza invade di nuovo il suo sistema nervoso.

Su scala alquanto ridotta, oggi per me è stato un giorno così. E’ talmente strano, dopo mesi, non avvertire niente altro che tensione muscolare che, da questa mattina, vivo ore di pura ebetudine.

Ho trascorso gli ultimi giorni praticando a fondo l’arte della lagna. Ho fatto del lamento un’epopea. Mi sono trascinata di sedia in sedia alzando l’intensità dei mugugni delle prime ore del giorno fino a renderli ululati serali. Ho preparato le inserzioni per vendere gli sci di fondo, quelli da discesa e le due paia di pattini in linea;  ho deposto accanto allo zaino che ho usato per il Cammino di Santiago un accendino perchè gli sono affezionata e preferisco farne cenere che venderlo, in un rito sacrificale di addio all’attività sportiva della domenica.

Ho molestato  con il mio pessimo umore chiunque mi capitasse a tiro: de visu, via email, via doppino telefonico. Ho ingigantito ogni singolo minimo problema della mia vita fino a farne una valanga colossale di giaculatorie.  Volevo scrivere un post di sfogo in cui ripetere, mille volte, “mi fa male, mi fa male, mi fa male” nella speranza svolgesse una funzione catartica. Ho avuto  che fare solo con persone gentili che non mi hanno risposto: ” e basta, hai rotto con ‘sto ginocchio…pensa a chi sta molto peggio di te”. Ma ci sono andata vicino. E il dolore aumentava, di giorno in giorno.

Ieri sera ho capitolato e, dopo mesi, visto che madre natura, sulla quale ripongo grandissima fiducia, non stava facendo il suo corso, sono andata dall’ortopedico. All’inizio ha esordito serio ricordandomi che l’operazione che hanno tentato ha un’alta percentuale di fallimento. Poi ha cominciato a leggere i referti in ordine cronologico e gli si sono spianate le rughe. Poi ha proseguito toccando qua e là e testando l’articolazione e ha cominciato a sorridere. Poi ha schiacciato nel punto in cui si concentrava il dolore e ha esultato. Io un po’ meno. Poi ha aperto un armadietto, riempito una siringa e iniettato il liquido nella zona incriminata. Poi mi ha detto tutto felice: “se è questo, forse non dobbiamo rioperare: ci vediamo tra dieci giorni”.

Non l’ho ascoltato molto, nella fasi finali della visita: sentivo una sensazione di fresco inghiottire pian piano il dolore. Prima di salutarmi mi ha spiegato, un po’ perplesso, che essere stoici ha un limite e che la mia epifania nel suo studio è stata un poco tardiva. Io non lo so se questa sarà la fine dell’avventura o solo un palliativo transitorio. So solo che, se non avessi la prescrizione di due giorni di arto in scarico e se possedessi uno skateboard, questo pomeriggio ci sarei salita volentieri anche perché, mentre  ero impegnata a frignare, fuori è arrivata la primavera.

Invece ieri ho cominciato a spegnere l’inquietudine comprando biglietti di treno e prenotando alberghi per un fine settimana a prendere aria di mare mentre alle cinque di questa mattina ero sveglia a fare ordine nelle borse,  perché si, sono minimalista, ma sono femmina. Tempo un mese e bisogna dragare il fondo per trovare le chiavi, facendosi largo tra fogli, caramelle, biro, lucidalabbra, cavi usb, carte fedeltà e paccottiglie varie. E l’alba di stamane mi è sembrata un ottimo momento per occuparmene.

Sarà un effetto secondario dell’iniezione?!

Annunci

21 commenti to “Atarassia e ordine”

  1. Insomma, ti lamentavi ma non andavi dal medico? Come ti capisco! E comunque… buone passeggiate!

  2. Allora “Tra le grinfie del gatto!” per le prossime, bellissime, passeggiate… che ti porteranno a comprare uno skateboard, vero? 😉

  3. Che dura che è quando non si riesce a guarire e tornare a fare cose normali senza dolore, ti capisco e anche se altri stan peggio di te , altri sta meglio, dunque perché non desiderare il meglio? Lamentati pure , io sto dalla tua parte e pure il mio braccio!! 🙂

  4. In bocca al lupo! Conosco la sensazione 🙂

  5. Mi unisco agli in bocca al lupo e concordo, a volte lo stoicismo deve avere un limite… e per lasciamo dire: l’alba è sempre il momento migliore per fare le cose!

  6. Sono contenta che la siringa magica dell’ortopedico ti abbia fatto così bene!!! Speriamo duri nel tempo 🙂 quando vedrò un ragazzino sullo skate ti penserò, magari starai facendo la stessa cosa 😉
    Buona domenica!

  7. l’amputazione è la miglior cura, il dolore va stroncato sul nascere…….

  8. Questo è scritto benissimo e lascia qualcosa dentro. La voglia di fare un biglietto. La voglia di aprire le finestre. La voglia di mettere la lagna in pausa. Bello, davvero.

  9. due anni fa ho comprato uno skateboard a mio figlio solo per poterlo provare nuovamente con la scusa “…vedi si fa così”.

    • @Simone. Grazie. Ha avuto effetto anche su di me. Da venerdi sera non sto facendo altro che programmare viaggi!

      @ilgattosyl: non è una scusa. E’ preoccupazione paterna. Mai provato i pattini in linea?

      • No credimi. Io avevo proprio voglia di riprovare a fare qualche trick con la tavola.
        Comunque sull’argomento sono ferratissimo.
        Sotto casa ho la fortuna di avere un parco con dei vialetti asfaltati che sono la manna per i rollerblades. Ecco, quando era piccolo Sylvestrino, gli ho comprato un passeggino fighissimo a tre ruote con ammortizzatori e freni a disco solo per la libidine di andare con lui con i pattini la domenica mattina (e suscitare gli sguardi ammirati delle mamme). Manco fossi stato sul lungo mare di Venice beach. Non puoi capire quanto me la tirassi….
        😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: