Il minimalismo, i desideri e le decisioni migliori

Nell’ultimo numero di Internazionale, oltre ad alcune riflessioni interessanti sull’operato di Steve Jobs (pro e contro), è stato pubblicato l’articolo di John Tierney “La fatica di decidere”. I risultati di una serie di ricerche mostrano che, con il passare delle ore, la nostra capacità di prendere decisioni diminuisce, a causa dell’affaticamento biologico: ad esempio le scelte che un giudice compie la mattina presto, a parità di situazione da dirimere, sono diverse da quelle effettuate nel pomeriggio. Preoccupante, a pensarci bene, anche se ricordo di aver avuto la stessa impressione durante le lunghe sessioni orali degli esami universitari.

Ad un certo punto, sembra, infatti, che il cervello cerchi scorciatoie o dando retta agli impulsi, senza riflettere più, o sospendendo qualunque decisione. Lo studio del “Modello Rubicone” dell’azione (carina, la definizione) ha portato a individuare nella fase del lancio del dado, dopo l’analisi dei pro e contro del contesto, la parte più importante e stressante, che ci mette a dura prova. Raggiungere un compromesso tra pro e contro, avere la capacità di decidere, diventa ad un certo punto un compito faticoso e il cervello sceglie la strada dell’avarizia cognitiva, il “non ne posso più” davanti alla lista delle cose da fare per organizzare un matrimonio, l’acquisto compulsivo al supermercato di fronte agli scaffali affollati. Sembra che la perdita progressiva di questo tipo di autocontrollo sia più rapida nelle persone con un reddito più basso e che sia una delle cause, in una sorta di circolo vizioso, del fatto che queste persone non riescano ad uscire dal proprio stato di povertà. Decidono infatti per impulso e solo per risolvere situazioni contingenti, senza prendere in considerazione i vantaggi a lungo termine. Le pause in cui l’individuo ha la possibilità di rifornire il cervello di glucosio ripristinano invece i livelli di forza di volontà mitigando lo stato di fatica. Tralasciando il circolo vizioso che queste conclusioni evidenziano sull’arte del mettersi a dieta, che ad un certo punto dell’articolo mi ha fatto venire in mente il povero Sisifo, ho trovato interessante un altro risultato dell’osservazione dei comportamenti delle persone sottoposte ai test. Sembra che passiamo tre o quattro ore al giorno a resistere ai desideri. Le scelte che compiamo ogni giorno consumano la forza di volontà, lasciando spazio alle frustrazioni e indebolendo il controllo. Chi ha autocontrollo si organizza la vita in modo da preservare la propria forza di volontà, conscio di quali siano i momenti in cui non può fidarsi di se stesso.

Alla fine della lettura a me sono venute in mente alcune considerazioni sparse. La prima, fondamentale, è che forse sarebbe utile iniziare un esperimento per capire quale è la dose ottimale di cioccolato al caffè che possa riportare la mia capacità decisionale a livelli indiscutibili. Meno male che è periodo di sagre del cioccolato, perché la materia prima buona di tale aroma non è di facilissima reperibilità.

La seconda è che ridurre gli oggetti intorno a noi, semplificarsi la vita, staccarsi, ognuno in base alle proprie esigenze, da cosa riconosciamo come superfluo potrebbe, effettivamente, rientrare a far parte delle tecniche inconsce con cui preservare la forza di volontà.

La terza è che, tutto sommato, a me piace prendere decisioni, e che, ogni tanto, ci sono dei giorni in cui parto a mitraglia e una tira l’altra; nel mucchio, qualche stupidata ci scappa però, tutto sommato, questa teoria di decisioni ha su di me un effetto galvanizzante, se non dura troppo lungo. E mi dispiacerebbe scoprire che non è il modo giusto per operare, perché mi leverebbe una parte del divertimento.

La quarta è che, se veramente trascorro tre o quattro ore al giorno a resistere alle tentazioni, forse varrebbe la pena individuarle e metterle in ordine su una bella lista: magari ad alcune sarebbe meglio dire di si, una volta appurato che gli effetti a lungo termine di una decisione di pancia non daranno origine a catastrofi, e liberare forza di volontà per faccende più utili.

Tre o quattro ore a me sembrano proprio tante…forse questo è uno dei segreti degli asceti. Niente in giro, niente intorno e via, spazio libero nella mente per meditare. Ma se non hanno più decisioni da prendere, su che cosa è che meditano? Non sarebbe meglio farsi una bella dormita?

Annunci

13 commenti to “Il minimalismo, i desideri e le decisioni migliori”

  1. A leggere quello che scrivi e a ragionarci su un attimo, mi viene da pensare che alla fine tutte (o se non tutte, una gran parte!) le cose con cui “crediamo” di semplificarci la vita (per fare prima, per fare meglio, per fare di più)… non siano altro che orpelli che, tirate onestamente le somme, ce la rendono invece più complicata!

  2. Gli eremiti se ne fanno di dormite..comunque ho la mia strategia e più o meno funziona: cedo alle tentazioni:-)

  3. io ho fatto caso che in tema di decluttering “funziono” meglio se decido in fretta, senza fermarmi troppo a pensare…e mi va bene…almeno finché non mi capiterà di buttare qualcosa di importante per colpa di decisioni affrettate 😀
    mmmmmmm cioccolato al caffè….un po’ come il pocket coffee?? mi sa che devo provarlo… 🙂

    • @tutti. Ho trovato l’articolo deprimente. Leggerlo mi ha fatto sentire inerme nei confronti della fisiologia, mi è sembrato che mi dicesse: “guarda, puoi appellarti alla tua ragione tanto quanto vuoi ma, alla fine, sono le esigenze del corpo che comandano”. E poi ci ho colto anche una vaga idea, tra le righe, della nostra piccolezza di fronte al pienone delle nostre stesse vite. Preferisco, al di là del buon senso che mi porta a pensare che le pause di ripristino dei livelli di energia siano per natura necessarie e che alla fine di una giornata si perda di lucidità, continuare a pensare di avere almeno un poco di controllo sulle mie azioni. E che cedere alle tentazioni, a volte, sia piacevole, salutare e altrettanto necessario.

  4. il 6 settembre ho fumato l’ultima sigaretta. ho adottato la tattica “non le compro più”. sono passata da un pacchetto a zero al giorno. dal martedì al mercoledì. nemmeno io trascorro 3 ore al giorno a resistere….

    ciao tigli&gelsomini

  5. Io al massimo passo qualche minuto a resistere… poi cedo 😛
    Comunque e’ assolutamente vero che quando si e’ stanchi non si dovrebbero prendere decisioni affrettate, prima ci si riposa, magari si mangia qualcosa, e poi si pensa molto meglio. Io sono poi molto influenzata dalla luce, di giorno sono più lucida, di sera più emotiva.

    • @Sab. Sai che è plausibile che la luce possa influenzare alcune decisioni, lo stato di vigilanza, l’emotività? Proverò ad analizzare il mio comportamento…magari finisce che mi rassegno ad essere una crepuscolare.

  6. ma questa è psicologia di quella spiccia e sperimentale, ehehehe. adoro tutto questo scientismo, io che mi perdo così facilmente nei meandri delle menti.

  7. tre o quattro ore a resistere ai desideri…terribilmente frustrante, direi. implica una vita non tanto di scelte, ma di cose che non si possono fare, che non sono bene/accessibili/adatte a noi, un continuo negarsi cose o esperienze, e un continuo desiderio di cose o esperienze inaccessibili…anche un bel dispendio di energia. sarà vero? proverò a farci caso….

  8. Ricordo di aver letto da qualche parte che in effetti la ragione subentra DOPO le decisioni che prendiamo. Ovvero l’istinto guida le nostre scelte e appena prese iniziamo a farci sopra tanti pensieri per razionalizzare l’azione compiuta e tentare di “giustificarla” a noi stessi e agli altri.
    Nel dubbio io continuo a mangiare cioccolato e a cedere alle tentazioni…!

    • @chotoomatteo. Non so cosa succede agli altri ma per me è sempre così. Prima decido d’istinto, poi la razionalità si innesca subito e vaglia i pro e i contro. A volte mantengo la decisione iniziale, altre no perché non ci sono i presupposti per considerarla valida ( e mi dispiace sempre, in questi casi, perché mi affezione alle mie decisioni istintive).

      @animapunk. Benvenuta. pensa che fatica, se fosse vero!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: