Transiti e attese

Sabato, stazione di Verona, manca poco alle 8. Il treno si arresta, concedendo alle poche fermate qualche minuto. L’uomo davanti a me legge un quotidiano, tradisce un leggero nervosismo con gesti impazienti. Lo posa, telefona, lo riprende.

Un gruppo di giovani seduti in centro al vagone semivuoto sta andando a Roma: parlano in continuazione, eccitati, di cosa faranno. Si alzano e frugano nelle valigie, estraggono fogli, discutono. Si rialzano e li reinfilano al loro posto. Si prendono in giro, si baciano piano, passeggiano inquieti nel corridoio. Una di loro si mette smalto color vinaccia: le unghie risaltano sul tavolino chiaro, l’odore si spande.   L’aria fredda del vagone mi fa venir voglia di scendere a scaldarmi le ossa sotto il sole che filtra tra le pensiline e illumina i finestrini.

Il marciapiede è sporco: resti di bottiglie di plastica si addensano accanto alle panchine. Un pannello pubblicitario, con il solito corpo di donna in costume, mi guarda grigio, asettico e fuori contesto. Due ragazzine si avvicinano alla panchina fuori dalla carrozza. Sono piccole di statura e di età, magre come solo le ragazzine di adesso riescono ad essere. Calzano nei piedi nudi sneaker basse da cui si dipartono jeans stretti che risalgono, sottolineando le ossa.  Nascondono la vita sotto indumenti larghi, in un contrasto di forme. Una di loro  indossa una felpa bianca col cappuccio, i capelli scuri tirati su a crocchia, lo zainetto rosso che le attraversa la schiena. L’altra, sopra una canottiera  rosa, ha infilato una larga camicia a scacchi rossi e grigi, sbottonata ma avvolgente, come la sciarpa che le circonda più volte il collo. Parla, animata, il viso girato a mezzo verso l’amica: ha il naso piccolo, un viso da bambina sotto un casco corto di riccioli chiari. Le maniche della camicia le arrivano fino alle falangi. Le spuntano dai polsini solo le punte di sottili dita mobili, che tracciano segni per aria accompagnando le parole. Si alzano: il treno che arriva sul binario se le inghiottisce e le porta via verso la loro giornata.

Sale una coppia ad occupare i due sedili liberi attorno al mio tavolino: ritiro le gambe dispiaciuta, calo gli occhiali da sole e infilo le cuffiette dell’iphone, a salvaguardare un’apparenza di spazio privato. Ho ancora sonno, alcuni pensieri da rimuginare, una settimana intensa appena trascorsa da cui recuperare frasi importanti, da cui lasciar andare avvenimenti inutili, una giornata di scoperte davanti a me. Mi rannicchio nel maglione, appoggio la testa al finestrino, alzo il volume per coprire il rumore del treno, che riparte verso il Po.

Annunci

13 commenti to “Transiti e attese”

  1. come scrivi bene.Avrei voluto leggere molto di più

  2. Bello. Mi è piaciuto leggerlo. Sembrava di essere li seduto sul sedile di fianco.

  3. Verona.. pochi passi da casa mia…Good night

  4. Ehhh, miei cari ! Casa mia ! Anzi, a dire il vero io sono a metà tra la città ed il lago… ex vicentina vivo quì a momenti alterni dal 1998 (perchè nel mezzo ciho messo pure Madrid, Mallorca e Alonissos) . Non c’è che dire: questa zona è esteticamente molto molto bella. Ovunque tu allarghi la vista è un bel vedere, per questo l’ho scelta ,molto tempo fa, anche se sento che non sarà la mia dimora ultima … Bello Unarosaverde, bello leggerti e conoscere il luogo di cui parli…

  5. Madrid, Mallorca, Alonissos e poi qui?!!! Aaargh!

    • Checchè se ne dica per quanto mi riguarda il luogo in cui vivo mi influenza per cui ho sempre scelto di vivere dove mi piace, in luoghi belli a scapito di moooolte altre cose, eh?! Mica tutto oro quello che luccica! E come ti dicevo, non l’ho mica finita quì !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: