Portami anche i libri, specialmente le pergamene. Umbria e pensieri sciolti.

Per sfuggire all’invasione della spiaggia del fine settimana, dicevo nel post precedente, abbiamo programmato tre giorni nell’entroterra umbro: Gubbio ieri, Perugia oggi, Assisi domani. Sono luoghi che avevo visitato parecchi anni fa, di cui avevo ricordi frammentati e suggeriti, probabilmente, solo dalle fotografie.

Di sicuro trenta o venti – accidenti, come scappano – anni fa i negozi erano molto diversi. Dai viaggi con i miei genitori portavo sempre a casa con me qualcosa che poteva essere acquistato solo li’ o che in altri posti, specialmente nei paesi, era piu’ difficile trovare. Per esempio, la mia cartella delle elementari, una Munari blu, veniva diritta da Venezia insieme ai primi tre quaderni Pigna, che avevano sulla copertina bamboline in saggina che non ho piu’ visto in vendita altrove. Il primo astuccio invece era stato comprato a Civitanova Marche. Era come se il piacere del viaggio e la scoperta di nuovi luoghi avessero la possibilta’ di rimanere con me per lungo tempo anche a casa. Adesso in qualunque centro urbano e commerciale d’Italia e’ possibile comprare quasi sempre e solo le stesse magliette, le stesse scarpe e le stesse mutande. E tutti i bambini hanno in identiche cartelle identiche cose. La maledizione del franchising.

Girellare per Gubbio con 35 gradi, a mezza giornata, non e’ stata una grande pensata quindi, questa mattina, abbiamo cambiato strategia e di buonora eravamo ai piedi del Palazzo dei Priori in una Perugia ancora fresca e quasi deserta. Finito il giro all’esterno, compresa la visita all’arco etrusco passando per Via Scoscesa – nomen omen – ci siamo infilati nella Galleria Nazionale Umbra poco prima del mezzogiorno. Lode ai vicoli medievali stretti in cui almeno uno dei due lati della strada e’ sempre in ombra e, in questi giorni di solleone, all’abuso di aria condizionata. Per un paio di ore sono sprofondata al fresco tra il 1200 e il 1500 artistico della regione in un susseguirsi di pale d’altare e crocifissi lignei.

Mi sono seduta per qualche minuto davanti al polittico Guidalotti del Beato Angelico, sia perche’ il pittore mi e’ entrato nel cuore dopo la scoperta dei suoi affreschi nel conventino di San Marco a Firenze, sia perche’ le citta’ umbre arroccate sui colli poco si addicono alla convalescenza post meniscopessi e ogni scranno e’ prezioso. Nel polittico si fa riferimento alla frase che ho citato nel titolo, estratta da una lettera di San Paolo a Timoteo. Mentre me ne stavo li’ a rimirare ho pensato che, girata in chiave moderna, la richiesta ” Quando verrai,…,portami anche l’ebook reader” non evocherebbe probabilmente tutti i millenari sottintesi e rimandi delle pergamene. Chissa’ i nostri discendenti cosa esporranno delle nostre cose nei loro musei.

Sempre persa nelle sale del museo, che conservano, ove possibile, la struttura originaria del palazzo, pensavo che se avessi trovato la voglia di leggere almeno una volta e per intero la Bibbia e Le vite dei Santi forse sarei in grado di cogliere meglio i simbolismi e le particolarita’. In ogni caso, alcune delle opere che ho visto me le sono godute a prescindere dalla mia ignoranza.

A tal proposito mi sono ricordata di un quesito che mi ero posta qualche tempo fa e che rimane per ora senza risposta. Ve lo sottopongo: magari mi aiutate. Qualche estate fa ho trascorso tre settimane in Thailandia, a zonzo, zaino in spalla: le prime due dedicate alla scoperta, l’ultima alla spiaggia. E’ stato il mio primo assaggio di oriente. Dopo aver visto templi, stupe, citta’ sacre e innumerevoli statue di Buddha, nei musei thailandesi prima e in quelli europei poi, sono giunta alla conclusione che, dato che non possiedo il substrato culturale adeguato ne’ la conoscenza di miti e riti asiatici, ogni cosa mi sembra uguale all’altra. Quando vedo i turisti asiatici a spasso in Italia non posso fare a meno di chiedermi se, anche per loro, le nostre chiese e i nostri quadri di soggetto sacro non siano una lunga teoria di cloni di cui non riescano a cogliere le particolarita’.

Nel tardo pomeriggio invece, ero in Santa Maria degli Angeli, in quel di Assisi, e pensavo, in modo assai blasfemo, che la chiesetta della Porziuncola inghiottita dalla grande basilica mi ricorda le matrioske. San Francesco, minimalista ante litteram, forse avrebbe da ridire a vedere una frazione che campa di coroncine di rosario e santini oppure sono io che sbaglio e vedo inviti all’idolatria anche dove non ci sono. Resta una considerazione tra me e l’assoluto: d’altronde la mia idea di religiosita’ non si avventura molto oltre quello che ho gia’ scritto nel secondo post di questo blog. Diciamo solo che mi sono sentita piu’ vicina all’assoluto nella piccolissima chiesa di Eunate di quanto non mi sembri di essere in San Pietro o in un duomo.

Adesso, prima di andare a dormire, dato che sono stanca di fare ragionamenti strani e poco proficui, in compagnia di un dito di vino e tre tozzetti freschi alle mandorle, con Assisi che sembra un presepe illuminato davanti a me, mi mettero’ a leggere. Ho finito la biografia di Turing – interessante ma densa – e sono passata a ” Il libro dell’ignoto” di Jonathon Keats, marito della traduttrice Silvia Pareschi, blogger di ninehoursofseparations – link nel blogroll. Allora, anche qui parto da una situazione di abissale ignoranza: di quanto si rifa’ alla cultura ebraica conosco solo qualche testimonianza sullo sterminio e le storielle di Moni Ovadia. Non sapevo quale fosse il contenuto del libro perche’ ho evitato di leggere le recensioni e i commenti per affrontarlo senza condizionamenti. Sono arrivata a meta’: ogni capitolo, ognuna delle storie di un Giusto, mi regala suggestioni, fiabe e parole nuove.

Arriva un altro pensiero molesto: da qualche parte, la prossima settimana, devo trovare lo spazio per i compiti di tedesco…lo scaccio e riparto dalla storia di He, la clown.

Annunci

12 commenti to “Portami anche i libri, specialmente le pergamene. Umbria e pensieri sciolti.”

  1. Che bello, sono contenta che ti piaccia il “nostro” libro! Poi dimmi quali sono le tue storie preferite, che ti dirò quali sono le mie!
    E se quando lo avrai finito ti verrà voglia di leggere qualche recensione, ti consiglio quella – bellissima perché molto sentita – di Benedetta Tobagi su Repubblica, e poi una bella intervista di Giusi Meister, la blogger della Biblioteca d’Israele.
    Questi i link:
    http://ninehoursofseparation.blogspot.com/2011/02/larticolo-di-benedetta-tobagi-su-il.html

    http://bibliotecadisraele.wordpress.com/2011/06/13/il-libro-dellignoto-jonathon-keats-recensione-e-intervista-la-parola-al-traduttore-silvia-pareschi/

  2. A parte che ti leggo sempre volentieri e mi ispiri voglia di leggere voglio anche dirti che spesso , visto la mia brutale ignoranza, mi sento come gli asiatici da noi, vedo tutto uguale o quasi.Una cosa mi rimane e cioè che ho ancora la giusta verginità per meravigliarmi.L’altro giorno su rai educational davano la vita e le opere di Gino De Dominicis che ovviamente non conoscevo,mi credi che sono ancora scosso dalla potenza e genialità della sua arte? Devo approfondire.Notte

  3. S. Francesco fece la chiesetta proprio per evitare gli sfarzi di una Chiesa in pompa magna…
    Io in passato ho letto diversi libri di autori ebrei che vanno oltre lo sterminio. E mi sono piaciuti molto. Ultimamente non l’ho fatto perche’ purtroppo la censura qui non li permette molto. Mi segno questo da cercare quando torno in Italia.

    • Per amor di verita’, l’entrata nelle chiese di Assisi e’ gratuita, come giusto che sia. Non cosi’ a Firenze e Venezia, purtroppo.

      In Inghilterra si paga l’ingresso ma, spiegano, non hanno sovvenzioni statali e i musei sono gratuiti.

      Libri: mi mandi per favore i titoli di quelli che ti sono piaciuti di piu’?

      • devi aspettare che torno in Italia. purtroppo io ho qualche problema a ricordare titoli e autori. sono 2 giorni che ci sto pensando, me ne venisse in mente uno! mi succede anche con le canzoni e i cantanti.

  4. Perdonami, Maaleesh, mi hai incuriosita. In Libano vengono censurati gli scrittori ebrei?

    • Purtroppo si, anche se devo dire che e’ cambiato un po’ ultimamente. Sono riuscita a trovare Mordekai Richler, pensa un po’. Figurati che qualche anno fa una mia amica americana, insegnante di letteratura inglese, si e’ vista strappare le pagine con “Il mercante di Venezia” di Shakespeare!
      Per amor di verita’, devo dire che la censura libanese e’ piuttosto stretta e, per esempio, ultimamente ha censurato un film che raccontava dello sterminio di una famiglia libanese da parte dei siriani. E ha censurato pure “Il codice da Vinci” di Dan Brown all’epoca.

  5. Che combinazione. Il 21 e il 22 mi sono fatto anche io una gitarella a Urbino e Gubbio.

    PS: a Gubbio minchia che caldo (perdonami il francesismo) 😉

  6. checcombinazione io invece mi sono fatta un mese in thailandia zaino in spalla qualche estate fa, che ridere, santiago e la thailandia. ma non è che noi facciamo le stesse vacanze con un anno di scarto? avrai mica fatto anche il cammino di san francesco? bisogna, bisogna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: