Ogni volta che vedo il mare. Dura vita da spiaggia

Mentre scendevo dalle Alpi al Conero, martedi mattina, rimiravo la variopinta tipologia architettonica dei nostri paesi e mi chiedevo come debbano apparire, agli occhi di un inglese in viaggio in Italia, messi a confronto con l’ordinata uniformita’ dei nuclei urbani anglosassoni in cui il colore e’ fornito dai fiori e non dagli intonaci.
Tanto per ingannare il tempo, dato che non guidavo, ho recuperato l’arretrato di lettura con gli ultimi numeri di Donna Moderna, conservati per me da una zia abbonata. I miei tempi di “sfoglio” delle riviste femminili sono sempre stati misurabili in istanti, dato che il gossip mi annoia, le cognizioni basic sul trucco le ho imparate al liceo e non vedo la necessita’ di corsi di aggiornamento in merito, vesto un classico casual a prova di mode, i viaggi me li organizzo da sola e i consigli su salute e sesso me li leggo sui libri e non su mezza pagina di superficiali inserti. Piu’ passa il tempo meno trovo interessanti queste riviste. Se una donna moderna deve perdere il suo tempo a fare test per scoprire se ha una pelle di sole o di luna, imparare la matematica per tenere il conto delle calorie giornaliere e considerare il proprio gruppo di appartenenza un “noi ragazze” significa, secondo me, che la strada da fare e’ ancora lunga. Le righe che mi hanno fatto inorridire, comunque, sono le seguenti, raggruppate nella pagina “i giocattoli delle ragazze” destinata alle under diciannove.

“Sei un’intellettualina e spendi tutto in romanzi d’amore comprati online? La libreria virtuale Amazon.it ha allargato lo shopping: ora puoi fare incetta anche di borse e scarpe. Ci sono 22mila prodotti: non hai piu’ scuse!”

Ora, a parte il fatto che, coi tempi che corrono, potrebbe essere raro trovare una minorenne in grado di fare shopping selvaggio online con soldi veri, e che il concetto di intellettualina collegato ai romanzi d’amore mi suona discutibile – intellettualina? Cosa e’? Una delle specializzazioni della scuola delle Winx? -queste righe mi portano a pensare che, prima di cominciare aspre battaglie per ottenere la parita’ dei sessi nelle istituzioni, forse dovremmo cominciare a smettere di scrivere, leggere e dare retta a simili ebetudini. Senza perdere di leggerezza e frivolezza sono convinta esistano altre forme di comunicazione con messaggi da veicolare meno idioti di questi.

L’acidita’ mi e’ passata verso le quattro del pomeriggio, dopo il primo bagno, la prima spalmata di crema solare e “Il centenario che salto’ dalla finestra e somparve” tra le mani. Ho finito di leggerlo ieri, tra uno sghignazzo e l’altro, e adesso sono alle prese con una poderosa biografia di Alan Turing.

Il clima e’ ottimo, il livello degli spaghetti ai frutti di mare della mia trattoria preferita immutato, il mercato bisettimanale in centro profumato e chiassoso, la pigrizia assoluta, i vicini di camper rumorosi, quelli di ombrellone variabili, in quanto trattasi della parte di spiaggia libera fanese che ogni giorno ospita persone diverse.

Si prosegue cosi’ per un paio di giorni ancora, poi si fara’ un giretto in quel di Perugia, per sfuggire alle folle dei bagnanti del weekend e per permettere agli eritemi solari di riassorbirsi. Piu’ che scalare la marcia, in questi giorni mi sono proprio arenata. Non e’ mica facile, sapete?! Servono anni di pratica per reggere questi ritmi intensi!

Annunci

10 commenti to “Ogni volta che vedo il mare. Dura vita da spiaggia”

  1. Ti dirò….anche a me l’interesse per questi settimanali è scemata drasticamente nel tempo.Non che mi reputi un’intellettuale, eh?! Dici bene : argomenti triti e ritriti e sopratutto trattati molto superficialmente, un’accozzaglia di pubblicità più o meno occulta e gossip da strapazzo.Compro solamente vanity Fair di tanto in tanto, mi piacciono le interviste…

  2. Concordo.
    “Gli uomini vengono da marte, le donne da venere”?
    “Come conquistare lo scapolone d’oro in 3 mosse”? (questo l’ho inventato, ma secondo me su qualche scaffale lo si trova).
    Perche’, invece di investire preziosissimi eurini in inutili manuali dal sapore sex and the city, non ripartiamo da noi? Perche’, invece di adottare strenuanti strategie per interpretare una femminilita’ finta ed aggressiva, non proviamo ad affermare semplicemente quello che siamo?
    Buon mare e buona Perugia!

    • @pattylafiacca – ho una basista anche per Vanity, che preferisco al resto delle riviste del genere anche se ogni tanto scopro gli stessi articoli pubblicati in altre testate del gruppo editoriale.

      @Laura: me la segno e la metto da parte che magari vien buona;)

  3. Invidia a parte, mi dici qualcosa di più sul centenario? Mi sembra che abbia tutte le carte in regola per entrare nella mia serie sui libri del buonumore!

    • Hai ragione! Da inserire nell’elenco! Assomiglia un poco allo stile di Guareschi ma e’ piu’ ricco di vicende rocambolesche raccontate pero’ con un tono di assoluta tranquillita’ e verosimiglianza che creano l’effetto ironico. Lettura scorrevole, simpatica, attimi di ilarita’ intensi. Me l’hanno regalato a maggio quando ero a casa dolorante ma ho resistito perche’ volevo godermelo!

  4. l’ultima volta che sono tornata dall’Italia, ho portato alle mie amiche rimaste qui 7 kg di riviste. ne avessi aperta una. perche’ poi debbano pesare cosi’ tanto io non l’ho mica capito. alcune manco sapevo che esistessero.
    e dimmi, bella la mia regione, vero? 😉 fai un saltino a portonovo, ben nascosto dentro il conero!

    • Sei marchigiana?! Questa regione ha sempre avuto un posto nelle mie vacanze a partire dai campeggi in roulotte fino al 78 a Porto San Giorgio;i miei ci sono tornati per anni in camper, di solito in giugno e settembre e, ogni tanto, riuscivo ad aggregarmi anche io. Adesso con mio padre facciamo una scappata una volta all’anno, cosi’ lui fa il mare e io mi faccio le ferie gratis. Trovo Fano perfetta per me; il Conero per i camperisti e’ off limits: niente parcheggi purtoppo,( prendo nota, comunque, non si sa mai) pero’ ci sono tanti altri posti che mi piacciono molto. E poi la gente e’ simpatica e si mangia benissimo;)

  5. Credete che quelle degli uomini siano meglio? ogni mese ci sono trenta modi nuovi per fare gli addominali, il mio osteopata di fiducia dice che ne esiste fondamentalmente uno solo.Mi fido di un laureato in Francia con lode,Vanity lo rubo a mia moglie, si trovano spesso interviste ben fatte comunque sono riviste da bagno.Te la spassi al mare senza muovere dito…ben fatto.Buon riposo.Ciao

  6. Ho letto anche io il centenario. Spassosissimo veramente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: