Si prega sosta a barriera. Cronache dalla campagna inglese

“Si prega sosta a barriera”. Inizia cosi’, dopo due ore di volo ryanair, tra hostess e steward che fanno spietata concorrenza ai vu’cumpra’ e spacciano di tutto ormai, nel corridoio tra le file di sedili, questa settimana inglese, al ritiro delle vetture a noleggio. La considerazione che debba essere maledettamente complicato trovare dei madrelingua a cui chiedere come si traducono quattro parole in un italiano di uso comune, in zona aeroporto poi, mi distrae quanto basta per lasciare che della guida sul lato sbagliato della strada si occupi per il momento qualcun altro.

E si parte, alla volta dei college di Cambridge. Splende il sole, insperata fortuna; il venticello scompagina bianche nuvole gia’ spettinate. L’erba perfetta tra gli antichi edifici riluce verde e brillante; sul fiume e’ tutto un incrociarsi di creature che si dedicano al punting. Le strade pullulano di turisti e di studenti di inglese; l’ora del te’, o meglio, i dolci che la accompagnano, esercita il suo fascino in ogni stagione.

 Attraverso i cortili, i ponti, i porticati, le navate delle cappelle e penso alle ore di  studio che si devono essere accumulate in questi luoghi, in secoli di storia. Ricordo  la mia facolta’, edifici nuovi, meri luoghi di passaggio per il mondo del lavoro e mi  chiedo che differenze ci possono essere a passare invece tra le stesse stanze in cui  hanno vissuto decine di premi nobel, fior fiore di uomini dotti, tra attimi di goliardia  e giorni di impegno, con panorami cosi’ su cui far correre lo sguardo. Un ensemble  australiano canta la messa in una cappella: ci fermiamo ad ascoltare, seduti nel  coro ligneo.

La domenica si spegne tranquilla, dopo una cena all’inglese: il comune accordo della compagnia e’ quello di non barare e unire al turismo “visivo” anche quello gastronomico. Mi tengo lontana dalle salse di menta e, per ora, non ho niente da ridire.

 Il lunedi inizia ad Ely, lungo la navata di un’imponente cattedrale che mi lascia  incantata a rimirare in alto, il naso in aria, soffitti altissimi e vetrate incredibili. La  lady chapel, bianca di pietra e di luce, conserva un’ incredibile fierezza nonostante  tutte le sculture dei bassorilievi, sopra gli scranni, abbiano avuto mozzata la testa in  una feroce pulizia iconoclasta. Mi faccio un giro da sola, poi un altro con la guida,  una signora che incarna squisitamente il mio archetipo immaginario british e che  parla un inglese che commuove, tanto e’ perfetto. Elaboro complessi di inferiorita’  perfino in luoghi di culto.

E poi a Oxford, questa sera, ma ho solo un assaggio di quartiere periferico: visto che  il tempo regge, domani ci perderemo tra le colline.

Londra e’ a ferro e fuoco, leggo tra le notizie del web. Mi sembra impossibile, nella quiete di queste vie di case vittoriane color mattone, ingentilite dai fiori, dall’edera e dai colori vivaci dei portoni d’ingresso. Qui fai pochi passi oltre le strade e ti ritrovi in parchi immensi, alberi centenari si piegano in forme intrecciate, i daini ti guardano curiosi al di la’ di un laghetto, non ci sono rumori. Si, qui Londra e’ mille miglia lontana.

Advertisements

6 commenti to “Si prega sosta a barriera. Cronache dalla campagna inglese”

  1. Che impressione: lì il tempo si è fermato, e a pochi chilometri c’è una metropoli messa a ferro e fuoco.

  2. “..elaboro complessi di inferiorità perfino in luoghi di culto.”Niente da aggiungere, frase che mi descrive perfettamente ogni qualvolta mi trovo con persone che sanno tante cose e le sanno esprimere con eleganza e dovizia di particolari senza ostentazione, senza accademia, ma con scienza e cuore.Che stupore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: