Il tedesco per tutti. Tutti gli altri, cioè.

Verso la fine delle scuole elementari mi era capitata per le mani una riduzione de “La scoperta di Troia” di Schliemann. A parte il fascino della storia di un uomo che insegue un sogno a tutti i costi, non smettevo di rileggere le pagine in cui l’autore descriveva come si era imparato, da autodidatta, una ventina di lingue. Ancora oggi, quando incontro qualcuno che è in grado di conversare in più idiomi, io sbavo. Invidia, ammirazione, idolatria. Ai miei occhi appare non solo come uno/una in gamba: in genere i poliglotti amano anche le parole, sono mentalmente curiosi e hanno voglia di conoscere persone, usi e costumi degli altri popoli, vicini e lontani. E, se avete mai provato a fare un biglietto per il treno in una stazione russa o a cercare la carta igienica in un mercato turco, capirete cosa intendo quando penso che si evitino parecchie frustrazioni.

Appurata questa mia propensione – ognuno ha diritto alle proprie manie – ho cominciato ad occuparmi di me stessa. Il francese mi è capitato tra capo e collo alla scuola media ma non mi suona granché estraneo, per cui siamo andati d’amore e d’accordo. A distanza di anni, probabilmente perché le cose che impari con i neuroni vispi non le dimentichi, ripesco facilmente, quando serve, il mio francese passe-partout. Tanto i francesi sono gentili, da questo punto di vista, e apprezzano lo sforzo.

L’inglese non è stata una scelta, ma una tappa obbligata dell’università. Un ingegnere giovane e in carriera (beate illusioni) che non sa l’inglese? Impossibile. E allora giù, in immersione tra grammatiche, film, libri. Mentre cercavo il bandolo della matassa, mi sono innamorata. Che vi devo dire…ad un certo punto mi è sembrata una lingua bellissima, con un vocabolario di sfumature infinite ed una grammatica non troppo ostica. Ed è tutto diventato molto più semplice. Peccato che, usandolo per lavoro per parlare con persone che non sono di madrelingua inglese, non essendo mai stata per più di una settimana di fila in Inghilterra, risultando sprovvista di inglesi e americani che stazionino in questa valle remota, io sia convinta di parlare inglese ma, in realtà, mi esprimo con quel basic english di bassa lega che regala, però, tante soddisfazioni. E illusioni. E a Londra faccio scena muta, perché mi vergogno e mi vengono i complessi di inferiorità. Gli inglesi, a differenza dei francesi, fanno di tutto per non apprezzare lo sforzo.

Lo spagnolo è stata una storia di bassi istinti. Deciso con amici di farci un viaggio a Cuba e poi uno in Centro America, ci era sembrata una buona idea imparare quelle quattro frasi da turista e ci siamo iscritti ad un corso serale per adulti. L’insegnante era veramente bravo. L’insegnante aveva, anche se ai tempi non si diceva così, un lato A decisamente gradevole. L’insegnante aveva un lato B strepitoso: quando scriveva alla lavagna l’aria si faceva immobile. Non stiamo ad interrogarci sulle motivazioni. L’importante è il risultato, no? Teneva cinque corsi a settimana, tutte le sere. C’era il pienone di donne. Ha contribuito all’innalzamento del livello di cultura di una certa fascia di popolazione locale. Fino ad un certo punto, poi, lo spagnolo va giù facile come un bicchiere di orzata. Zucchero. Io sono al livello appena precedente a quello in cui si cariano i denti e cominciano a fare male. Diciamo che tra spagnoli faccio la mia figura, a chiacchiere, ma quando devo scrivere una email agli amici ci metto più che a tradurre una versione dal greco.

E veniamo ai giorni nostri: da tre anni, ormai, sono alle prese con il tedesco. L’ho iniziato quattro volte, credo. Ogni volta mi fermo dopo pochi concetti. L’azienda mi offre il corso, sarebbe utile se lo parlassi: è da pirla non approfittare. Eppure arrivo alla lezione quasi del tutto impreparata, accampo mille scuse, mi arrampico sui vetri. Manca appena che dica alla profe che mi è morto il gatto. Non va giù, non procedo, non memorizzo. Non arriva nemmeno vicino alla corteccia cerebrale: metto in atto un meccanismo di rifiuto inconscio di cui non capisco i motivi. Prendete adesso: tre settimane a casa in mutua senza potermi muovere. Passi la prima, ancora sotto i fumi del Toradol. Ma nella seconda e nella terza, qualche ora a studiare tedesco potevo farla saltare fuori, no? Adesso si avvicina il tempo del rientro e della prossima lezione e io ci penso tutto il giorno, che devo studiare. Mi sveglio la mattina già con i complessi di colpa. E poi faccio melina. Manca appena che vada a recuperare le Barbie in solaio e mi metta a vestirle e a pettinarle e poi me le sono inventate tutte per non aprire i libri. Sono preoccupata. Cosa è? E’ colpa del tedesco o sono i primi sintomi dell’invecchiamento? No dai. E’ ancora presto. E adesso che faccio? Qualcuno mi manda un bigino?

9 commenti to “Il tedesco per tutti. Tutti gli altri, cioè.”

  1. Eh cara Unarosaverde, tu lo sai che sono messa come te !!! Guarda , a me piacciono le lingue…. parlo molto bene lo spagnolo perchè in Spagna ci ho vissuto e me la cavo con l’inglese, un po’ di basi di greco moderno ma il tedesco..non sò , è una roba brutta. perchè ti smonta, non ti lascia scampo , con quei paroloni composti pieni di acche e cappe … solo per capire come dicono i numeri mi è venuta una sincope. cioè 524 (cinquecento venti quattro) loro dicono 5cento quattro più venti …. ma dai !

  2. Con l’inglese me la cavo, anche se pure io ormai mi ritrovo a parlarlo con cinesi e indiani che a capirli….
    Col francese speravo molto meglio. Contavo sulla mia “evve” moscia per pensare di parlarlo come se nulla fosse e invece mi va giù a fatica manco fosse l’Amaro medicinale Giuliani.
    Con lo spagnolo uso il milanese e in qualche modo ci capiamo (anche se ricordo l’imbarazzo quando ventenne mi ritrovai a chiedere in una farmacia di Barcellona una confezione di profilattici)
    Col tedesco conosco solo Kugelschreiber

  3. se hai bisogno, il tedesco è la mia seconda lingua 🙂

  4. Ehehehe un po’ ti capisco.
    Anche io amo le lingue, mi affascinano somiglianze e differenze, concetti che esistono solo in una cultura (parlare una lingua ti fa entrare nella cultura della gente che la parla!)…

    Infatti dopo il liceo classico ho studiato lingue all’universita’, e ho scelto il giapponese (abitando vicino Venezia non era cosi’ problematica come scelta) a cui ho anche aggiunto un po’ di cinese tanto per non farmi mancare nulla. Col giappo mi sono sentita a casa, nel mio ambiente. Il cinese mi ha fatto abbastanza schifo e dopo 2 annualita’ l’ho mollato. L’inglese e’ venuto di conseguenza, studiando su testi in inglese, e poi quando ho vinto lo scambio culturale e sono andata un anno a Tokyo la prima lingua a diventare fluente non e’ stato il giappo ma proprio l’inglese! Nel mio gruppo di amici oltre a moltissimi asiatici c’erano londinesi, americani, australiani… bellissimo. Era il 1998, anno indimenticabile.
    Ora viaggiando spesso e frequentando stranieri l’inglese lo conservo ancora molto bene. Il giapponese si e’ un pochino arrugginito ma lo frequento sul lavoro per cui sono ancora a livelli decenti.

    Poi qualche anno fa mi sono innamorata dello spagnolo, l’ho studiato per 3 anni di fila (lezioni la sera ovviamente) e devo dire che me la cavo, certo non come se avessi vissuto in Spagna…. ma e’ abbastanza semplice.
    Quest’anno avevo voglia di una nuova lingua, indecisione tra francese e tedesco, scelto la prima per motivi di supposta maggior facilita’ (lingua neolatina) e per maggiore utilita’ in giro per il mondo. In realta’ non e’ cosi’ semplice, la pronuncia mi ammazza e sbaglio tutte le finali (maschili e femminili, singolari e plurali, verbi vari…), forse forse era meglio il tedesco che almeno si legge come si scrive!!!!! 😛
    Ma tanto non mollo. Il francese non l’avra’ vinta su di me. A settembre mi iscrivo al corso di livello subito sopra a quello che termino oggi. E non mollo fino a che non lo parlo un minimo decentemente!! Penso ci vorranno almeno un paio d’anni…

    Pero’ poi tocca al tedesco!!! 😛 Per non parlare di russo, arabo e perfino shwaili, che sono in lista d’attesa. Forse a 60 anni… 😛

  5. Il giapponese “fa figo” ma in realta’ se ci si limita alla lingua parlata e’ molto semplice, per noi italiani ha una pronuncia semplicissima (niente suoni strani!) e la grammatica e’ molto lineare e priva di eccezioni. Poi se uno vuole anche leggere e scrivere allora diventa un gran casino ehehehe.
    Il cinese invece ha una pronuncia per me orrenda, la storia dei toni non mi e’ mai piaciuta, anche se comunque i due esami che ho dato sono andati benone. Ma non mi veniva proprio naturale. Forse se avessi trascorso un po’ di tempo in Cina… ma no, non era proprio il mio ambiente. Il Giappone invece lo sentivo proprio mio. Salvo ritrovarmi ora a lavorare con i giapponesi e pensare che siamo troppo diversi!
    Attenta che anche il russo so che e’ una bella gatta da pelare!!! 🙂

    • Il giapponese fa molto figo!
      E per il russo vedremo a tempo debito… per ora mi aspetta un fine settimana di full immersion sulle grammatiche tedesche a recuperare il tempo perso…ci sarà un test invalsi per un’autoverifica?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: