Striscia la notizia, Golfera, l’invidia e le consolazioni della mediocrità

Il titolo di uno dei temi settimanali che la profe di tutto (italiano, greco, latino. storia, geografia e sicuramente qualcosa d’altro, visto che ci sopportava 18 ore a settimana) esigeva in V ginnasio fu “Anche il genio è immortale. Nessuna maggior consolazione per la mediocrità”. Avevo 15 anni, mi piaceva scrivere ma ricordo che pensai che il titolo quella volta faceva veramente schifo. Avevo 15 anni ed ero già una bugiarda perché, a pensarci bene, sapevo benissimo a cosa si sarebbe potuto riferire. Io, nella vita, proseguo per invidia. Scopro che qualcuno sa fare qualcosa meglio di me o conosce qualcosa che io ignoro e penso: “lo voglio fare anche io”. Naturalmente applico una selezione a ciò che invidio, in base alla mia personale scala di cosa  reputo importante. Ad esempio, non mi interessa se qualcuno è un drago alla playstation, passo oltre con tranquillità. Però se incontro un tizio che mi dice: ” in due anni ho imparato il tedesco e ho superato l’esame B2″ comincio a rosicare. La mia insegnante di tedesco, che se mi legge capirà come trascorro il tempo libero invece di studiare, potrebbe obiettare sulla forza della mia invidia, visto che al momento persisto tenacemente in uno stato monosillabico, però io so che, a furia di invidiare chi ne sa di più, prima o poi al B2 di tedesco ci arriverò anche io. Chi mi conosce lo sa e non si arrabbia più; alle nuove conoscenze lo spiego subito, se è prevista la coesistenza: niente di personale, io funziono così. Però non invidio la persona, invidio l’abilità che la persona ha acquisito; non le auguro nessun male, anzi, spero che sia così gentile da fornirmi un paio di dritte, tanto per cominciare. 

Questo blog compie un mese sabato: oggi stavo trascorrendo un quarto d’ora autocelebrativo a controllare le statistiche e ho notato che la maggioranza dei lettori di questi due giorni sono approdati qui dopo aver cercato “striscia e golfera” su google, argomenti su cui ho scritto in un post ieri.  La cosa mi ha lasciato stupita.

Forse sbaglio ma mi risulta difficile credere che la maggior parte del pubblico di Striscia sapesse chi fosse Golfera prima della messa in onda del servizio. Mentre ci ragionavo su, mi è venuto in mente il titolo del mio vecchio tema e ho pensato che, forse, alla gente piace assistere alle gogne mediatiche delle altrui abilità. In questo modo, magari, ridimensionano le capacità degli altri, le riportano ad un livello di tolleranza e giustificano la propria mediocrità. Golfera ha una memoria prodigiosa? No, guarda, è tutto un trucco, stai tranquillo e continua ad imbesuirti davanti al nostro programma. Ci pensiamo noi a decidere per te che cosa deve filtrare nel tuo cervello. Ti aiutiamo noi a rassicurarti sul fatto che non devi sforzarti per imparare a padroneggiare l’italiano, men che meno l’inglese; a cosa ti servono la matematica o la comprensione dei meccanismi economici? Fidati, anche quelli che sembrano bravi e ti dicono che si sono applicati tanto per raggiungere un risultato mentono. E così, tra una lode del nulla, due chiacchiere fatue, una canzoncina, il tempo trascorre a sentire gli elogi della banalità, trasformata in mito.

Grazie, ma no. Preferisco invidiare. Il genio, per me, rappresenta un obiettivo irraggiungibile. Rosico, risico. Qualche cosa, nel processo, intanto la imparo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: