Pourquoi-pas?

Ho sei mesi di prova. Meno una settimana, quella appena trascorsa.

Da domani al 31 dicembre potrei essere lasciata a casa da un giorno all’altro. O potrei decidere di andarmene io. Sei mesi sono molti: le volte precedenti sono stati due, tre al massimo. Sei mesi garantiscono fuoco sotto il culo, prove e riprove, massima attenzione, un esame lunghissimo. La posta in gioco, per me, questa volta è alta.

Il primo e il secondo giorno ho pensato di aver fatto un errore colossale, dopo aver misurato  a larghe spanne il tasso di casino con cui avrò a che fare. Il terzo e il quarto ho ammesso con me stessa che era proprio del casino che stavo andando in cerca, quando ho deciso di cambiare lavoro … e allora perché non accettarlo e trasformarlo in opportunità, come dicono i guru americani? Il quinto giorno non c’è stato perché era settimana corta.

Intanto, una volta ancora, mi ritrovo in un posto senza aria condizionata e con il caldo scoppiato a bomba sulla Lombardia. Dieci giorni fa, nei mie ultimi giorni al vecchio incarico, hanno finalmente attivato un condizionatore: lo stavo chiedendo da cinque anni. Mi sono quasi commossa. Adesso devo di nuovo riarmarmi di pazienza e bottiglie d’acqua.

Il mio giugno prosegue su montagne russe di impegni, lavatrici e panni stesi al sole per togliere l’odore di corpo umido che caratterizza l’estate in città, coppette al pistacchio e cioccolato fondente, oleandri in fiore e profumo improvviso di gelsomino e tigli. E qualche escursione nel paese dei libri, questa volta per rileggere l’adorabile Ballet Shoes di Noel Streatfeild, prima di accantonarlo tra il centinaio di romanzi in inglese che, prima o poi, ce la farò a vendere in blocco.

About these ads

9 commenti to “Pourquoi-pas?”

  1. Molti in bocca al lupo. Fossimo sempre tutti nei sei mesi di prova…:-)

  2. accettarlo e trasformarlo in opportunità sì, tanti in bocca al lupo anche da parte mia. ma i guru americani lasciali perdere, che quelli son bravi solo a vendere psicologia spicciola…

  3. ho un condizionatore di terza mano da venderti…
    potremmo accordarci sul prezzo.

  4. quello è un pezzo della tua storia.
    Tra l’altro, è un pezzo unico di un artista affermato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 373 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: